Nasce la prima Stazione di terapia forestale d'Italia: qui niente acari

Le Valli del Natisone

di Paola Treppo

VALLI DEL NATISONE (Udine) - Le prima analisi di fattibilità parlano chiaro: nelle abitazioni delle Valli del Natisone di 6 comuni su 8 di fondovalle e di bassa montagna, ci sono meno allergeni di quanti ce ne siano in pianura e tanti quanti ne siano stati trovati in altre località note per la loro aria buona e per le attività di terapia climatica negli ultimi 15 anni, tra cui Sauris di Sopra che sorge a quota 1440 metri e a Fusine in Valromana, a quota 900 circa al valico.

Nasce la Stazione di terapia forestale d'Italia
Nelle Valli del Natisone, quindi, c'è un microclima inadatto al proliferare degli acari che con le loro feci costituiscono una delle prime fonti di patologie dell'apparato respiratorio, tra cui l'asma. Partiranno a breve, quindi, una serie di iniziative di "terapia forestale": nelle Valli sarà inaugurata la prima Stazione di Terapia Forestale d'Italia. La data è quella di venerdì 10 marzo quando saranno presentati i risultati delle prime analisi, la terapia forestale, il patrimonio boschivo che si punta a valorizzare e le prime attività della Stazione.

Ci saranno Mario Canciani, medico pediatra e responsabile del Servizio di allergologia e pneumologia dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine e Clinica universitaria e Roberto Mucchiutti, esperto botanico regionale del Gref. L'appuntamento è per le 20.30 a Biacis di Pulfero, nel Museo della salute naturale “Casa Raccaro”, un edificio del 1800 ristrutturato in pietra e sasso. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 7 Marzo 2017, 11:58






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Nasce la prima Stazione di terapia forestale d'Italia: qui niente acari
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-08-07 10:32:10
in montagna ci sono le zecche, le vipere, i dirupi, in inverno le valanghe, .... Seguendo questa logica nessuno dovrebbe meterci piede quindi. La vera sfida è invece vivere la montagna con rispetto, intelligenza, creare una cultura della montagna. PS: dei 500 ragazzi asmatici portati in Carnia e Valcanale dal 2007 al 2017 è stato registrato solo un caso dubbio di morso di zecca, verificato su richiesta dei genitori e rivelatosi negativo (fonte M. Canciani)
2017-03-07 20:02:20
Niente acari piccoli....solo quelli grandi: le zecche...!!!
2017-03-07 17:36:41
peccato che hanno soppresso il corpo dei forestali