Donatella e l'ultimo sms alla cugina: «Farò presto ritorno in Abruzzo»

Giovedì 14 Giugno 2018
1

UDINE - Risalgono a ieri, poco prima della tragedia, gli ultimi contatti tra i parenti di Pescara e Donatella Briosi, la 64enne, da trent'anni in Friuli, uccisa dall'ex marito Giuliano Cattaruzzi, 80 anni, in uno studio notarile di Udine dove gli ex coniugi dovevano firmare un rogito. Ieri mattina c'era stato uno scambio di messaggi con una cugina pescarese. A raccontarlo è la stessa parente. La donna, nei messaggi, era apparsa serena e tranquilla, perché si stava per definire una situazione che andava avanti da tempo. Mentre Pescara è sotto choc per quanto accaduto, sempre dai parenti si apprende che la 64enne aveva in programma di fare definitivamente ritorno in Abruzzo,  una volta ridotti gli impegni lavorativi. Quando la salma, in seguito all'autopsia, verrà riconsegnata ai familiari, dovrebbero essere organizzate due cerimonie, una in Friuli e una a Pescara, dove Donatella Briosi verrà tumulata nella cappella di famiglia. Ed emergono anche particolari sulla pistola utilizzata per il folle gesto.
 

Ultimo aggiornamento: 15 Giugno, 15:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA