Segregata in casa: mai fuori da sola neppure in cortile e tante cinghiate

PER APPROFONDIRE: moglie, segregata, udine
Segregata in casa: mai fuori da sola neppure in cortile e tante cinghiate
UDINE - Un cittadino marocchino, 59 anni, residente nel Friuli Collinare, è stato condannato dal Tribunale di Udine, con rito abbreviato, a 3 anni e 8 mesi di reclusione per maltrattamenti ai danni della moglie. Per almeno due decenni l'uomo avrebbe costretto la donna, una connazionale di vent'anni più giovane, a subire violenza fisica e psicologica.

Secondo quanto ricostruito durante un'indagine dei Carabinieri della Compagnia di Cividale del Friuli ( Udine) e presentata oggi durante una conferenza stampa, la donna sarebbe stata «segregata» in casa, impossibilitata a comunicare con l'esterno o uscire da sola neppure nel cortile dell'abitazione, svilita, privata di qualsiasi autonomia economica e costretta a subire cinghiate e colpi con dei tubi. In alcuni casi il marito l'avrebbe anche afferrata al collo.

Alle violenze avrebbero assistito anche i due figli della coppia, ora maggiorenni. Le indagini - presentate dal Comandante della Compagnia, capitano Rossella Pozzebon - sono partite a inizio 2018 quando la donna era scappata di casa, trovando rifugio da alcuni parenti in provincia di Padova. La vittima, che non aveva mai denunciato le violenze, si era rivolta ai carabinieri della stazione locale, salvo fare rientro a casa dopo qualche giorno. I militari della stazione di Tarcento avevano quindi avviato un'attività investigativa raccogliendo le testimonianze di conoscenti e i verbali dei precedenti accessi al pronto soccorso. Il 14 febbraio l'uomo è stato arrestato dai Carabinieri della stazione di Tarcento in esecuzione di una ordinanza cautelare emessa dal gip Mariarosa Persico su richiesta del pm Annunziata Puglia. La misura è stata in seguito convertita nei domiciliari con braccialetto elettronico dal Riesame di Trieste. La sentenza di condanna è stata depositata il 31 maggio. L'uomo si trova tuttora ai domiciliari. La moglie è in una struttura protetta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Giugno 2019, 16:30






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Segregata in casa: mai fuori da sola neppure in cortile e tante cinghiate
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2019-06-19 14:34:48
E non è certo un caso isolato. Un mio conoscente mi dice che in un condominio davanti a lui, c'è una famiglia magrebina. Padre e figlio sempre fuori in cortile o in strada ma moglie due figlie non le ha mai viste, le ha viste solo spiare continuamente dalle finestre per guardare fuori ma per poi ritirarsi dentro subito.
2019-06-19 11:19:18
adeguati ai locali? i minus habentes (e non solo) locali tendono a ciò (per le botte ci siamo)
2019-06-19 10:33:39
Africani, ROM, gente dell'est... Ogni giorno i giornali si riempiono di ottimi motivi per cui occorre chiudere le frontiere a tutti, e sbattere fuori chi è già entrato.
2019-06-19 10:19:53
Integrazione??? Riaprire le camere a gas così si integrano. Gli unici Islamici buoni sono quelli sotto un buon metro di terra fresca.
2019-06-19 09:47:16
Altra prova delle risorse, non voliono integrarsi e allora via dall'Italia,perché dobbiamo sempre acettare tutti? Se vengono legali o no dovrebbero fare un test di integraziuone(controllando mensilmente) vuoi rimani non vuoi o forse torni a casa tua punto