Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terremoto di magnitudo 4.2 sul confine italo-sloveno, il Nordest trema nella notte

Venerdì 17 Luglio 2020 di Marco Corazza
Scossa di terremoto sul confine italo-sloveno
Una scossa di terremoto nel cuore della notte fa tremare Friuli Venezia Giulia e Veneto. L'epicentro è stato localizzato a Srpenica, in Slovenia, sul confine italo-sloveno. Con una magnitudo di 4.2 ha fatto scattare l'allarme anche in Italia.

Tantissime le persone che sono sobbalzate dal letto in tutta il Friuli Venezia,  regione dove la scossa è stata sentita di più tanto da far tremare le abitazioni. Subito sono partite le verifiche da parte della Protezione civile per appurare eventuali danni. Segnalazioni di gente spaventata sono arrivate da tutta la regione ma anche dal Veneto.  
 

Terremoto oggi: epicentro

Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 7 km di profondità ed epicentro nella slovena Plezzo e a 17 km dai comuni di Taipana e Pulfero (Udine).  Negli ultimi giorni è stato rilevato del movimento tellurico nell'area che circonda Italia, Slovenia e Austria, con una scossa lunedì di 3.7 a Forni di Sotto seguita da altre 5 di lieve entità tutte registrate a cavallo delle province di Udine e Pordenone.   
 

Nessun ferito né danni

Non sono stati segnalati feriti o danni. Lo conferma la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia. «La centrale unica di risposta Nue 112 e la sala operativa regionale - spiega la Protezione civile - hanno risposto a numerose richieste di informazioni, oltre un centinaio, ma non sono state ricevute segnalazioni di danni a persone o a cose». Il livello più basso di attivazione per il sistema di protezione - aggiungono dalla sala operativa di Palmanova - stimato inizialmente per 167 comuni della regione, al momento è confermato dai dati provenienti di volontari dei Gruppi comunali di protezione civile attraverso le schede di segnalazione del risentimento. La sala operativa regionale non ha inoltre ricevuto informazioni di danni da parte dei Comuni e dei Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco di Udine e Pordenone.
Ultimo aggiornamento: 11:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci