Crisi Safilo, il governo: «Inaccettabile dare per fatta la chiusura di Martignacco»

Domenica 12 Gennaio 2020
Safilo di Martignacco, presidio dei lavoratori a dicembre 2019
MARTIGNACCO - «È inaccettabile che si dia così per scontata la chiusura. Parliamo di una azienda che opera in un settore in ascesa, e comunque devono esserci alternative». Lo ha detto la sottosegretaria allo Sviluppo economico Alessandra Todde che oggi, domenica 12 gennaio, ha avuto un incontro pubblico a Martignacco, con i lavoratori coinvolti nella crisi della Safilo, organizzato dai deputati M5S Luca Sut e Sabrina De Carlo (con i consiglieri M5S Fvg Mauro Capozzella e Cristian Sergo).

L'incontro, svoltosi in una sala pubblica è stato molto intenso e con numerosi interventi dei lavoratori, che hanno espresso la situazione dell'azienda e la loro personale, tentando anche di individuare soluzioni per garantire la competitività dei prodotti e la salvaguardia dei lavoratori. Sono 235 i posti a rischio qualora lo stabilimento di Martignacco dovesse chiudere, come annunciato dalla proprietà. La parlamentare De Carlo ha reso noto che per il 16 gennaio prossimo la sottosegretaria ha convocato un incontro al Mise a Roma cui sono invitati Regione Fvg, azienda, sindacati, sindaco Martignacco, il ministro Patuanelli (o un suo rappresentante) e gli stessi parlamentari De Carlo e Sut. Incontro che seguirà di due giorni quello che è stato convocato per il 14 in Regione Fvg. 


  Ultimo aggiornamento: 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA