Presepi Fvg, la Natività rappresentata in centinaia di modi nelle chiese e nelle città: l'epicentro quest'anno è Udine

Venerdì 3 Dicembre 2021
Il presepe galleggiante di Grado, con il classico casone

UDINE - Un evento che coinvolge anche il mondo della scuola, i più importanti siti presepiali e oltre 140 rappresentazioni della Natività presenti in decine di località della regione, con epicentro a Udine, dove 50 presepi saranno esposti nella chiesa di Sant'Antonio Abate dal 4 dicembre al 9 gennaio. È "Presepi Fvg - La tradizione che prende forma", il contenitore di eventi natalizi predisposti dal Comitato regionale dell'Unione nazionale tra le pro loco e presentato a Udine dal presidente Valter Pezzarini. A causa dei lavori previsti alla Villa Manin di Passariano, ha annunciato, la sede espositiva principale è stata trasferita quest'anno a Udine.

«Un evento di significativa importanza culturale e artistica, che reca un valore aggiunto all'attrattività del Comune di Udine rafforzata anche in questo periodo da numerose iniziative, eventi, manifestazioni di richiamo e di spessore culturale, e saprà attirare nel capoluogo friulano un turismo attento e qualificato», ha commentato l'assessore regionale alle attività produttive e al turismo, Sergio Emidio Bini. «Si tratta di una forma di turismo, quello dei presepi - ha aggiunto - che si è sviluppata in questi anni grazie all'azione delle pro loco, alle quali si deve lo sviluppo dell'idea, mettendo in rete opere dell'arte presepiale e siti ormai divenuti un'icona delle festività natalizie». Secondo Bini, risulta significativo «il fatto che Presepi Fvg, la manifestazione che si svolgerà quest'anno a Udine, riesce a mantenere e veicolare i valori e la tradizione del Natale, della Cristianità, della famiglia e anche per questo deve continuare a caratterizzare la vita delle nostre comunità». L'iniziativa prevede l'esposizione di opere a tema anche di noti artisti friulani, quali Gianni Borta, Arrigo Buttazzoni, Giorgio Celiberti, Giordano Floreancig, Renato Picilli e Silvano Spessot che saranno proposte assieme ai lavori di artigiani dell'arte musiva dell'intero territorio regionale.

Gli itinerari tematici percorrono il Friuli Venezia Giulia dalla montagna al mare - si legge nel sito dell'Unpli Fvg -, dalla collina ai centri urbani, sfiorando laghi e fiumi o addentrandosi alla scoperta di borghi storici e rurali alle volte poco conosciuti. Coinvolge oltre un centinaio di Comuni, suddivisi nelle 12 aree turistiche di Carnia, Tarvisiano, Piancavallo e Dolomiti Friulane, Gemonese, Friuli Collinare e San Daniele del Friuli, Pordenone e dintorni, Udine e dintorni, Cividale del Friuli e Valli del Natisone, Lignano Sabbiadoro e dintorni, Grado, Aquileia, Palmanova e dintorni, Gorizia e Collio, Trieste e Carso. Vi sono rappresentate migliaia di Natività, raccolte in preziose rassegne, all’interno di santuari e chiese, dislocate lungo piazze e vie nei centri abitati o in cortili e parchi di pregio naturalistico.

Foto: Il presepe galleggiante di Grado (Ansa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA