Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Una palestra di roccia nell'ex caserma Osoppo: dalla Regione 2 milioni di euro

Giovedì 4 Agosto 2022 di Alessia Pilotto
Una palestra di roccia

UDINE - Dalla Regione arrivano a Udine due milioni di euro: serviranno per la palestra di roccia che l'amministrazione vuole realizzare all'ex caserma Osoppo con l'obiettivo di attirare utenti, professionisti e non, anche da fuori confine. Palazzo D'Aronco ha infatti dato il via alla progettazione di una nuova struttura, per un costo complessivo di circa 3,2 milioni di euro; l'ipotesi era di sfruttare i fondi del Pnrr, invece l'ente superiore ha dato una mano al Comune e, nell'ambito della legge per la concertazione, ha stanziato una somma ad hoc.

«Si tratta - ha spiegato il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Loris Michelini -, di un progetto ambizioso per tutti gli amanti di questa disciplina. Nello specifico la palestra ospiterà tre specialità: quella a corda (lead), quella basata sulla velocità (speed) e quella dedicata alla difficoltà (boulder), ma sempre nella massima sicurezza. Ci saranno poi aree didattiche per principianti e per bambini e ragazzi, aree di riscaldamento con attrezzi e corpo libero, luoghi dove sia possibile iniziare e terminare un ciclo di attività sportiva correttamente. Il progetto prevede poi luoghi dedicati all'accoglienza, ai servizi, alle attività tecniche, alla manutenzione degli impianti, ma anche spazi al piano terra che potranno ospitare convegni e incontri. La palestra potrà servire anche alle esercitazioni dei Vigili del Fuoco e di tutte le attività artigianali che necessitano dei corsi abilitativi. Sarà inoltre realizzata una gradinata dalla quale il pubblico potrà assistere alle arrampicate degli atleti sulla parete di fronte ma anche a proiezioni di filmati e documentari». La struttura sarà alta 18 metri, sei dei quali interrati per non oltrepassare i limiti urbanistici di zona. All'interno verrà ricreato, con i materiali di scavo, un paesaggio artificiale con piante che andranno a ricreare un ambiente montano e saranno installati dei giochi per bambini. Non mancherà una struttura, immersa nel verde, per scalare all'aperto. L'edificio sarà realizzato con materiali sostenibili e sarà in gran parte rivestito da pannelli fotovoltaici.

L'ASSESSORE
«Mi auguro ha continuato Michelini -, che questa struttura sia in grado di attirare appassionati anche da fuori Udine e da fuori regione. Desidero infine ringraziare la Regione Fvg per questo stanziamento». In attesa della grande opera, in città proseguono altri interventi che, questa volta, riguardano la viabilità: dopo le asfaltature di viale Palmanova e via Boccaccio, infatti, sono partiti i lavori di rifacimento dei marciapiedi in diversi quartieri (80 mila euro). Ad essere interessati sono quelli di via Pellis (lato nord), via Chisimaio, una parte di quelli di via Tolmezzo, di via di Toppo, via Caccia e via Valeggio. A fine agosto, invece, riprenderanno le asfaltature con il rifacimento dei sottopassi di piazzale Cella verso via Pozzuolo e via Lumignacco. «Gli uffici lavorano a ciclo continuo ha concluso il vicesindaco -. Abbiamo creato un'Unità Organizzativa ad hoc che nel corso dell'anno progetterà e appalterà un totale di oltre un milione di euro di manutenzioni straordinarie, oltre a gestire più di 4000 interventi diretti con personale comunale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci