Morta a 14 anni, il chirurgo condannato a 18 mesi di carcere

Morta a 14 anni, condanna a 18 mesi  al chirurgo che la visitò in ospedale
UDINE - Un medico chirurgo che il 2 gennaio 2014 era in servizio in ospedale a Latisana (Ud) è stato condannato oggi dal giudice del tribunale di Udine a un anno e sei mesi di reclusione, pena sospesa, per la morte di Veronica Surian, la ragazzina, 14 anni di San Michele al Tagliamento (Venezia), che quel giorno si presentò nel nosocomio di Latisana in preda a forti dolori addominali.

La minorenne, che poi si scoprì soffrire di una malformazione congenita, un'ernia di Bochdalek al diaframma, rimasta fino a quel momento latente e asintomatica, entrò in arresto cardiocircolatorio conseguente ad anossia cerebrale quando quella sera, solo alcune ore dopo il suo ricovero, venne portata in sala operatoria. La ragazzina morì l'8 gennaio a Udine dove era stata in seguito trasferita d'urgenza. La difesa del medico aveva chiesto l'assoluzione dopo che la perizia firmata dai tre esperti incaricati dal giudice nel dibattimento avevano concluso che «non è possibile stabilire (...)  un nesso di causa diretto ed esclusivo tra la condotta del medico e il decesso della paziente».

La difesa ha preannunciato appello. In aula c'erano anche i familiari della vittima che non si sono costituiti, in quella sede, parte civile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 29 Gennaio 2019, 20:39






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morta a 14 anni, il chirurgo condannato a 18 mesi di carcere
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-01-31 23:29:34
Conosco il medico ed è un bravo professionista... ha salvato decine di vite e sarà il primo a non perdonarsi questa disgrazia
2019-01-30 15:16:47
Doveva fare questo, doveva fare quest’altro. Sono tutti bravi, dopo però.
2019-01-30 07:24:19
Triste storia. Malformazione congenita vuol dire presente dalla nascita. Per 14 anni e' stata li, nessuno se ne e' accorto perche' NON dava sintomi o se li dava erano talmente ridotti o aspecifici che a nessuno e' venuto in mente di indagare a fondo. Gia', indagare a fondo con TAC e radiografie. Quello che si imputa e' di non averlo fatto. Con il senno di poi andava fatto. Certo. Ma andrebbe fatto a TUTTI quelli che si presentano in ospedale con sintomi simili. Anzi, appena nati facciamo una TAC a tutti "casomai" ci fosse qualcosa ?
2019-01-30 11:32:32
"facciamo una TAC a tutti "casomai" ci fosse qualcosa ? " nascerebbe il movimento NO-TAC!...
2019-01-30 06:34:48
Come al solito quando leggo le sentenze non riesco a capire. Premetto che sono al di fuori delle parti ma qui leggo che tre periti nominate dal giudice hanno stabilito che non c'e' un nesso tra il comportamento del medico e il decesso. Ma allora, a che cosa servono I periti se poi si decide in modo autonomo ?