Bugo e Morgan, dopo Sanremo strade separate anche dal vivo in Friuli

Martedì 11 Febbraio 2020 di Loma
Morgan e Bugo al Festival di Sanremo

Amici da una vita, Bugo e Morgan hanno rotto nel modo peggiore e in mondovisione, venerdì scorso sul palco del festival di Sanremo. Bugo e Morgan continuano a fornire versioni differenti sui motivi che li hanno condotti a mettere in piazza dissidi che da artistici sono sfociati platealmente sul piano personale, con il primo che abbandonava la scena dopo che il secondo aveva cambiato il testo della canzone Sincero per attaccarlo. La polemica ha diviso in due telespettatori e appassionati di musica e di certo non si placherà ora che il festival della canzone italiana si è concluso. Allo stesso tempo prosegue anche l’impegno professionale di Cristian Bugatti e Marco Castoldi, che giocoforza non potrà che essere separato nei modi e nei tempi. Anche in Friuli Bugo e Morgan saliranno sul palco, ma in due città e spazi differenti, a distanza di due mesi l’uno dall’altro.

DALL’INDIE AI RIFLETTORI
Protagonista della scena alternativa italiana da vent’anni (l’album d’esordio, La prima gratta, è di fine 2000) Bugo a 46 anni sperava di aumentare la platea di estimatori grazie al brano portato al festival e che non è stato possibile fare apprezzare fino in fondo. Tuttavia è certo che la popolarità è aumentata e chi vorrà ascoltare dal vivo l’esecuzione di Sincero, non potrà fare altro che acquistare i biglietti per il concerto in programma il 6 marzo al Capitol di Pordenone, dove il cantautore farà tappa con il suo tour legato al nuovo album di inediti intitolato “Cristian Bugatti”, il nono lavoro discografico della sua carriera (primo con l’etichetta Mescal) che rispetto alle sperimentazioni del passato, gradite soprattutto dalla critica, registrano una virata verso il pop più tradizionale. I biglietti per il concerto sono in prevendita a 15 euro.

DAI RIFLETTORI ALLA TRADIZIONE
Morgan, invece, sarà protagonista il 5 maggio sul palco del Teatro Nuovo Giovanni da Udine assieme all’ensemble Voltalacarta, per un concerto che vuole essere un sentito omaggio a Fabrizio De André, a 20 anni dalla sua scomparsa, nel progetto dal titolo “Dentro e fuori Faber” (biglietti da 15 a 40 euro in vendita cul circuito Ticketone dalle 10 di domani, info su www.azalea.it).
Il progetto “Dentro e fuori Faber” vedrà Morgan fornire al pubblico gli strumenti per capire a pieno il mondo di Fabrizio De André che, attraverso le sue canzoni, racconta il mondo degli ultimi, dei diseredati e dell’amore. Nelle canzoni di De André, l’ex Bluvertigo sembra addirittura trovare più sfumature interpretative rispetto ai propri brani, il che potrebbe quasi rappresentare un paradosso. Grande studioso e interprete della canzone d’autore italiana, Morgan si approccia a “Faber” con l’ammirazione del collega e la riverenza di chi riconosce la potenza espressiva del genio. Lo spettacolo, organizzato da Zenit, nasce da un’idea di Voltalacarta, band formata da musicisti professionisti friulani accomunati dalla grande passione per De André, che ha scelto una scaletta composta per la maggioranza dei brani dagli arrangiamenti della Pfm.

Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio, 09:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci