Minacce di morte al sindaco di Monfalcone: «La resa dei conti per lei e le carogne nere è vicina»

Giovedì 12 Settembre 2019
Minacce di morte al sindaco di Monfalcone: «La resa dei conti per lei e le carogne nere è vicina»
27
MONFALCONE (GORIZIA) - Due email contenenti esplicite minacce di morte sono state recapitate, il 6 e il 20 agosto scorsi, al Comune di Monfalcone (Gorizia): la principale destinataria è la sindaca Anna Maria Cisint, ma ci sono riferimenti anche all'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini.

In particolare, nel messaggio del 20 agosto, il mittente, che si firma, «il compagno cittadino» esplicita le proprie minacce nei confronti della Cisint. «Cara podestà - si legge nel testo - adesso che le sue spalle non sono più coperte dal "ministro della paura", per usare lo slogan del suo demente sodale, "la pacchia è finita", anche per lei».

«Adesso - prosegue la missiva -, considerato che per voi "fascioleghisti" si mette male, le consiglio di riflettere bene sulle sue scelte da regime color orbace. Liberi la biblioteca comunale, consenta ai cittadini di leggere ciò che vogliono e non ciò che vuole lei; riponga nel cassetto delle sue idee malsane il progetto delle "liste di proscrizione" per gli insegnanti e tenga presente che la "resa dei conti" per lei e per le carogne nere delle quali si circonda è sempre più vicina».

E ancora, «L'Italia è piena di bei distributori di carburante dove, se si presenta la necessità, si possono appendere dei "giustiziati" per i piedi. Salvi l'Italia, e il suo comune in particolare, con un gesto di dignità (se ne è capace): si suicidi».

«Se questo invasato pensa di intimorirmi ha sbagliato completamente il bersaglio», commenta all'Ansa, la sindaca di Monfalcone (Gorizia) Anna Maria Cisint. «Non arretrerò di un solo passo - assicura Cisint - anche perché sento fortissima la vicinanza della mia comunità. E meno male che dovevamo essere noi leghisti il pericolo per la democrazia».

Quanto alle indagini, spiega, la Questura di Gorizia e la Digos le stanno seguendo da oltre un mese anche se per ora non è stato possibile risalire all'indirizzo originario che ha spedito il messaggio. Solidarietà alla Cisint è stata espressa da tutte le istituzioni, a partire dal Prefetto isontino. Già da un mese è stata inoltre rafforzata la sorveglianza specifica nei confronti della sindaca, sia quando si trova in municipio, sia nella propria abitazione.
Ultimo aggiornamento: 16:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA