Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Udine, Padova, Trieste e Sydney
a caccia di antichi tesori sullo Stella

Sabato 20 Giugno 2015 di Paola Treppo
Un reperto trovato nelle acqua dello Stella

PALAZZOLO DELLO STELLA (Ud) - Laboratori di archeologia subacquea sul fiume Stella, nella Bassa Friulana, per il progetto Anaxum: si tratta dell’unico scavo archeologico didattico in ambiente fluviale eseguito fino a oggi a livello nazionale e internazionale; le indagini, a cura dell’Università di Udine, prendono avvio il 22 giugno prossimo e proseguono fino a metà agosto. Gli archeo-sub dell’ateneo friulano scandaglieranno i fondali nel tratto nel comune di Palazzolo dello Stella (Udine), area che ha restituito in passato straordinari reperti storici di inestimabile valore.

Parteciperanno studenti, dottorandi e specializzandi dell’Università di Udine e di altri atenei italiani e del partner progettuale Texas A&M University (Usa). Collaborano al progetto l’Institute of Nautical Archaeology (Usa), e le università di Padova, Trieste e Sydney (Australia).

«Un’iniziativa prestigiosa, cui la Provincia di Udine ha dato il suo sostegno - dice l’assessore all’istruzione, Beppino Govetto -; oltre alla portata scientifica dello progetto e al ruolo di primo piano a livello internazionale rivestito dall’Ateneo di Udine, “Anaxum” apre al nostro territorio importanti prospettive in ambito culturale, storico e di valorizzazione turistica».

Ultimo aggiornamento: 19:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci