Fedriga: «Festa della Repubblica per cambiare passo nel Paese»

Martedì 2 Giugno 2020 di R.U.
Il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga con il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Inca'

«La cerimonia di oggi per la Festa della Repubblica può stimolare simbolicamente il processo di cambiamento di cui ha bisogno il Paese: la crisi sanitaria che è diventata anche economica deve essere l'occasione per attuare una forte semplificazione di cui ha estremo bisogno il Paese per ripartire».
Lo ha affermato il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga a margine della cerimonia del 74/o anniversario di fondazione della Repubblica svoltasi questa mattina, martedì 2 giugno, al Sacrario militare di Redipuglia con una forma che ha dovuto tenere conto delle restrizioni anti Covid-19 ma alla presenza del ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà e, tra gli altri, del presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin.
«Speriamo - è stato l'auspicio di Fedriga - ci sia impegno continuo per dare fiato al lavoro e all'impresa: la grande sfida è eliminare gli orpelli che hanno soffocato e stanno uccidendo la nostra economia. Se non lo facciamo adesso non lo faremo più». 


A Udine, in piazza XX Settembre in alternativa alla cerimonia ufficiale svoltasi in piazza Libertà (dove poi hanno manifestato i comunisti contrari all'Euro), si è ritrovato in mattinata il centrodestra, per protestare contro il Governo Conte. Presenti alcune centinaia di persone, i le quali il sindaco di Udine Pietro Fontanini, di Monfalcone Anna Cisint, l'europarlamentare leghista Elena Lizzi e il senatore Mario Pittoni. Per il Comune di Udine erano presenti gli assessori di Forza Italia Fabrizio Cigolot, Giovanni Barillari, il consigliere Giovanni Govetto e il presidente del consiglio comunale Enrico Berti. La responsabile della Lega regionale Vannia Gava ha ricordato le categorie economiche e famiglie dimenticate dai provvedimenti economici varati in questi mesi dal Governo italiano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA