Escursione con le ciaspole, sbagliano percorso e restano bloccati a 1.400 metri tra i ghiacci: 22enni salvati dall'elicottero

Domenica 17 Gennaio 2021
I due escursionisti soccorsi sul monte Lovinzola

VERZEGNIS - Alle 15.30 di oggi, domenica 17 gennaio, i tecnici del Soccorso alpino e speleologico hanno soccorso due 22enni friulani rimasti bloccati a quota 1.400 metri sotto il Monte Lovinzola. I due giovani escursionisti, dotati di ciaspole, avevano intrapreso la risalita partendo da Sella Chianzutan. Al rientro dalla cava presso Casera Presoldon hanno sbagliato percorso imboccando un canale reso scivoloso dalla neve dura.

Considerate le scarse ore di luce a disposizione per riuscire a raggiungere con le squadre di terra il punto in cui si trovavano i ragazzi e considerato il fatto che l'esposizione del versante a Nord Est avrebbe potuto far incontrare punti ghiacciati rendendo macchinoso il rientro a piedi, si è deciso assieme alla Sala operativa regionale di inviare sul posto l'elicottero della Protezione civile che nei mesi invernali staziona a Tolmezzo, con a bordo una squadra del Soccorso alpino pronta a intervenire nelle aree innevate.

L'elicottero ha trovato una radura dove atterrare, cento metri poco lontano dal punto in cui si trovavano i ragazzi: i quattro tecnici presenti a bordo (Soccorso alpino e Guardia di Finanza di Tolmesso) li hanno raggiunti e condotti in sicurezza nel punto in cui l'elicottero li ha prelevati con due rotazioni.  I giovani sono poi stati riaccompagnati alla loro auto  rimasta a Sella Chianzutan.
 

Ultimo aggiornamento: 18:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA