Colpito da un masso mentre arrampica: Pierluigi Donadon muore sul colpo

Domenica 21 Giugno 2020
Pierluigi Donadon
2

Pierluigi Donadon, un alpinista molto conosciuto di 65 anni, di Conegliano (del gruppo sportivo Ana), è morto oggi mentre stava arrampicando lungo la via Lomasti, parete Sud della Creta di Pricotic, nel gruppo del  monte Cavallo. L'uomo è stato colpito da un masso verso le 11.30. A dare l'allarme un compagno di arrampicata. Donadon era un alpinista molto noto: nel 2005 tra l'altro è stato membro della delegazione italiana salita fino a 5.000 metri sull'ultimo campo base del K2.

 Al momento dell'impatto Donadon si trovava a quota 1900 metri, a circa due terzi della via e stava facendo sicurezza al capocordata che arrampicava dal punto di sosta. Con lui, sulla stessa sosta, c'era un'altra cordata. L'allarme, a causa dell'assenza di rete telefonica nella zona, è partito con un SOS da un GPS Garmin ed è stato rilevato dalla centrale Garmin in America, quindi trasmesso alla Protezione Civile di Roma e infine alla SORES. I soccorritori della stazione di Moggio Udinese del Soccorso Alpino e Speleologico, assieme alla Guardia di Finanza di Sella Nevea e ai Vigili del Fuoco si sono recati a Casera Winkel, punto di partenza del sentiero che conduce alla base delle pareti.

Contestualmente è arrivato sul posto, sopra la parete, anche l'elisoccorso regionale. L'equipe medica con il tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino è stata calata sul posto, in parete, con il verricello, ma il medico ha soltanto potuto constatare la morte dello scalatore. 

Volo di 50 metri sulla parete rocciosa: ferito un alpinista di Feltre

Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 15:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA