Morì a 16 anni di overdose nei bagni della stazione: preso il pusher 24enne

PER APPROFONDIRE: 16enne, eroina gialla, morta, udine
I bagni della stazione di Udine dove venne trovata morta la 16enne
UDINE - Un giovane di 24 anni, cittadino afgano, J.S., è stato arrestato ieri dalla polizia con l'accusa di aver ceduto la dose letale di "eroina gialla" che fu assunta da una sedicenne friulana, morta per overdose nei bagni della stazione di Udine il 3 ottobre scorso. La ragazza era insieme con il suo fidanzatino.

L'arresto è stato eseguito in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Udine su richiesta della procura. Il giovane è indagato per spaccio e morte come conseguenza - non voluta - di altro reato. È stato identificato dagli investigatori che hanno visionato i filmati delle telecamere di videosorveglianza cittadine, e analizzato i tabulati e i telefoni cellulari dei ragazzi coinvolti nella vicenda. Lo spacciatore avrebbe fornito la sostanza lo stesso giorno della morte alla coppia di adolescenti, ed è stato rintracciato ieri pomeriggio nella zona di borgo stazione, dove si trovava violando, tra l'altro, un precedente divieto di dimora a Udine e una misura di prevenzione del foglio di via con divieto di ritorno a Udine
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 21 Dicembre 2018, 09:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morì a 16 anni di overdose nei bagni della stazione: preso il pusher 24enne
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 26 commenti presenti
2018-12-22 21:54:00
Scusa, venetoconlavgrande, ma tanto per fare statistica e inquadrare le cose: quanti italiani spacciano in Afganistan? E se per caso se ne trova uno, con il lanternino, gli danno il foglio di via? Naturalmente è tutta colpa dei drogati....che a 15 anni magari non sanno di che si tratta, ma se gli viene messa sotto il naso gratis, così, tanto per provare.... Poi così gli afgani/pakistani finanziano mafie e talebani dei paesi loro, e anche nostri.
2018-12-22 12:39:29
"In un paese civile..." ma sono anni ormai che non siamo più in un paese civile. La gangrena delle mafie ha toccato le più lontane frontiere, i bla bla show invaso tutti i media, oltre alla politica, la giustizia fa disperare, i modelli propinati ai giovani : escort e delinquenti, aspettando l'espatrio o il reddito di cittadinanza... E in più, c'è chi si tura gli occhi per non vedere... mentre si dovrebbe essere tutti in piazza a urlare.
2018-12-22 09:43:27
Tutto giusto, seguire i soldi, arrivare alle mafie.... Ma una volta tanto, cominciamo a seguire dall'ultima ruota del carro per arrivare in cima. Vedrete che avranno un po' di fastidio.. Poi si arriva anche in cima, intanto però si fa pulizia, non si lascia la polvere sotto il tappeto a fare danni con un foglio di via in tasca. Eliminiamo almeno questa perdita di tempo che la giustizia è già lunga così.
2018-12-21 18:51:57
Un afgano ha dei precedenti che non si danno nemmeno ai gatti e ai cani. Rispetto allla vendita di sostanze stupefacenti questo signorino si prende la blanda sanzione di non avvicinarsi alla stazione. Caspita che sanzione da parte dei nostri magistrati. in un paese civile un afgano che non ha alcun titolo per stare nel nostro paese sarebbe stato imbarcato nel primo aereo e spedito a casetta sua avvisndo la sua ambasciata. E' ora di finirla con questi cialtroni che vengono qui solo per fare del amle.
2018-12-21 18:38:24
se nessuno si drogasse non ci sarebbero problemi...