Un weekend da fiaba in montagna. Dove? Nelle casette sugli alberi

Domenica 9 Luglio 2017 di Paola Treppo
Le case sugli alberi a Malga Priu, a Ugovizza, in Alto Friuli
1

MALBORGHETTO VALBRUNA (Udine) - Pronta la prima casa sull'albero a Malga Priu, a Ugovizza, nel comune dell'Alto Friuli di Malborghetto Valbruna. Il contesto in cui è stata costruita è di quelli da favola. Siamo a quota 1250 metri ed è qui che la famiglia Tributsch accoglie turisti e amanti della montagna da metà aprile a metà ottobre. «Si tratta di una malga privata - spiega Cristina Della Mea, 44 anni -; l'ha inaugurata nel 1991 mia mamma, Renata, che oggi ha 73 anni e che si occupa con molta passione della cucina». Poi c'è il papà di Cristina, Guido Della Mea, che di anni ne ha 76, già campione del mondo di sci da fondo, il fratello Manuel e i loro figli. Tutto è a gestione familiare ed ecosostenibile: corrente elettrica ottenuta da pannelli solari, acqua raccolta nelle vasche da una fonte. 

 

All'inizio i Tributsch allevavano mucche da latte, poi hanno deciso di allevare una decina di mucche da carne, le vacche scozzesi highlander, che resistono bene anche alle basse e bassissime temperature invernali di questa zona dell'Alto Fiuli. Con le mucche ci sono anche conigli, tacchini, oche e le galline per avere le uova fresche di giornata.  

A Malga Priu si arriva percorrendo prima la strada comunale, poi un tratto di strada sterrata e quindi si posteggia l'auto in un parcheggio. Da lì si cammina per circa 40 minuti e si arriva in malga. «Prepariamo solo piatti tipici locali - spiega Cristina -: gnocchi con la ricotta, frico, gulasch con carne delle mucche highlander, orzotto con le erbe, gnocchetti spatzli. Mamma raccoglie il tarassaco per fare i finti capperi, le erbe per fare le tisane e le gemme d'abete per fare il caramello ma la sua vera specialità è la palacinka: ne ha preparate migliaia, con le marmellate fatte da noi, con i frutti che troviamo nei boschi, in particolare le prugne». 

Le case sull'albero 
Oltre all'attività di ristoro, che in agosto funziona tutti i giorni, a Malga Priu si può naturalmente pernottare e da poche settimane si può scegliere anche di passare una notte nella casa sull'albero (nelle foto). «L'idea è nata da mio fratello Manuel che fin da piccolo ha coltivato il sogno delle case sugli alberi: realizzava altane, punti di osservazione, per gioco. Poi, grazie a fondi del Pisus, abbiamo presentato un progetto per due case sull'albero con tutti i confort e abbiamo ottenuto un finanziamento».

Una delle due case è pronta ed è già utilizzabile; è stata realizzata dalla ditta Domus Gaia e si eleva dal terreno per 7 metri. Organizzata su tre piani, per un totale di 40 metri quadrati, ha quattro posti letto. Nasce per la famiglia, per genitori con figli, ma anche per la coppia che vuole passare un weekend romantico lontano da tutto e da tutti. La casa ha un terrazzino con una vista mozzafiato sul monte Lussari, un piccolo angolo cucina, la stanza da letto matrimoniale e l'area notte per i ragazzi, oltre ai servizi igienici; tutto collegato da una scala a chiocciola e tutto accessibile anche ai turisti diversamente abili. Le due casette sono in legno di abete e larice invecchiato. Sono le prime case sull'albero in Friuli Venezia Giulia realizzate in questo modo. 

Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 14:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA