Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alla guida con il "pieno di alcol": si addormenta all'incrocio. Patente addio

Venerdì 12 Agosto 2022 di Lorenzo Padovan
Ubriaco alla guida: dorme in auto all'incrocio
3

MANIAGO - Costerà cara, a due cittadini di Vajont, la scelta di circolare in strada dopo aver bevuto. A uno dei due residenti, oltre a tutta una serie di sanzioni che gli sono state contestate, per essere stato sorpreso alla guida dell’auto dopo aver fatto il “pieno” di alcol, sarà sospesa la patente e sarà denunciato. «Da una parte deve ringraziare la dea bendata che non è accaduto nulla, visto che ha abbandonato, in sosta, in pieno incrocio, a Vajont, l’auto che stava guidando, e dall’altra anche la polizia locale Cellina - Meduna, che è riuscita a fermarlo prima ancora che gli potesse capitare una disgrazia», afferma il sindaco di Maniago, Umberto Scarabello, che ha ringraziato gli agenti per la solerzia nell’intervento. Con l’accusa di guida in stato d’ebbrezza, gli agenti della polizia locale lo hanno quindi denunciato alla Procura di Pordenone.
 

L’INTERVENTO
Secondo quanto accertato, l’uomo, dopo aver fatto uso smodato di alcolici, si è messo alla guida della sua auto con l’intento di raggiungere il centro del paese. Indenne dopo aver percorso un breve tratto di strada, la sua condotta zigzagante ha allarmato altri conducenti, che hanno allertato le forze dell’ordine. Un equipaggio della polizia locale maniaghese, subito intervenuto, ha intercettato l’auto e fermato il conducente il quale, apparso visibilmente alterato, è stato sottoposto agli accertamenti previsti, il cui esito ha spiegato le cause di tale condotta. L’uomo è risultato avere un tasso alcolico pari a sei volte il limite consentito, ovvero 3,0 g/1. Per lui anche una multa per sosta irregolare: il suo veicolo era fermo in un pericolosO incrocio.
 

LA CICLISTA
In un altro intervento, sempre la polizia locale Cellina - Meduna è stata chiamata in una pista ciclabile a Maniago perché una ciclista, caduta a terra, era rimasta contusa. Gli agenti intervenuti sul posto, assieme al personale sanitario, hanno constatato che la donna era ubriaca. È stata a trasportata in ospedale per gli accertamenti medici. In Pronto soccorso, la pattuglia ha chiesto che fossero eseguiti gli esami del sangue, per rilevare il tasso alcolico della ciclista. La donna non ha voluto farli, con la conseguente contestazione di guida sotto l’influenza dell’alcool. «Anche in bicicletta l’ubriachezza può essere pericolosa, non solo per sé, ma anche per gli altri - hanno ammonito dal Comando maniaghese guidato da Luigino Cancian -. Il soggetto in questione, infatti, ha rischiato di travolgere pedoni o di causare incidenti con altri veicoli, di qualsiasi tipo. La persona sarà denunciata per guida sotto l’effetto di alcool».

Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 11:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci