Armadi e divani in strada: i furbetti dei rifiuti catturati dalle fototrappole

Armadi e divani in strada: i furbetti dei rifiuti catturati dalle fototrappole

di Paola Treppo

LATISANA (Udine) - Si fa sempre più serrata sul territorio di Latisana la lotta all’abbandono illecito di rifiuti. Grazie all'acquisto di fototrappole da parte dell'amministrazione comunale e dopo una prima fase di sperimentazione da parte del comando di polizia locale, per installare e configurare al meglio gli apparecchi, adesso scatteranno le sanzioni. 
 
 


Fotografie e video
Sono al vaglio del personale della polizia locale, infatti, numerose fotografie e video registrati dalle fototrappole posizionate nei punti dimostratisi più critici nel corso del tempo. «Dispiace constatare che c’è ancora una parte di cittadini, seppur marginale rispetto alla maggioranza, che abbandona i rifiuti, a spregio delle fondamentali regole di convivenza - dice il sindaco, Daniele Galizio -; questo nonostante i nuovi servizi attivati dall’amministrazione, come il ritiro gratuito degli ingombranti a domicilio e il prolungamento degli orari del centro di raccolta comunale di via dei Sabbioni, aperto martedì, giovedì e sabato».

Per il consigliere delegato alla polizia locale, Piercarlo Daneluzzi, il posizionamento di questi apparecchi, insieme all'installazione di cartelli con l'indicazione "area videosorvegliata", ha portato, in relazione al getto dei rifiuti, un miglioramento rispetto alla situazione preesistente in varie zone, mentre in altre si registrano ancora delle criticità.

Le multe triplicano
Per motivo l’azione di contrasto proseguirà; non si esclude il posizionamento di altri apparati, e il controllo di quanto conferito direttamente all’interno dei cassonetti stradali, oltre all'inasprimento dell’attuale normativa per aumentare, anche triplicandolo, l’importo delle sanzioni per alcune tipologie di violazioni. 

Tolleranza zero 
«Si tratta di una questione di civiltà e rispetto - chiude il sindaco -; l'amministrazione non sarà tollerante con chi deturpa l’ambiente. È nostra intenzione rafforzare ulteriormente la videosorveglianza, sia come attività di prevenzione sia come forma di contrasto, e l’azione di controllo sarà dunque potenziata. Il comportamento di alcuni, purtroppo, crea non solo un danno di immagine che ricade sulla comunità tutta, ma un aggravio dei costi a carico del Comune. Per tutti questi motivi, alla questione dell’abbandono dei rifiuti sarà conferita massima priorità».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 26 Aprile 2018, 10:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Armadi e divani in strada: i furbetti dei rifiuti catturati dalle fototrappole
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-04-26 22:41:55
Pena di morte per certa gente....!
2018-04-26 21:06:58
ma dai se non le lasciano vicino ai cossonetti le troveremo poi nei fossati lungo le strade. da qualche parte le buttano sicuramente.
2018-04-26 17:30:19
e l'emergenza rifiuti a Napoli? Non se ne parla piu'?
2018-04-26 15:28:53
Il civile nord-est che ricicla...hahahahahahaahahahahahahahahaahaha.....che vergogna....ciao enrico..ciao.
2018-04-26 14:51:49
Se si pubblicasse anche il nome e cognome del multato oltre all'importo della sanzione, la smetterebbero a colpo!