Vaccini, centinaia di persone in corteo per difendere la libertà di scelta

foto di Giorgio Jercog

di E.B.

TRIESTE - Il caldo torrido non ha scoraggiato i centinaia di manifestanti che questo pomeriggio hanno sfilato in corteo lungo le vie del centro cittadino per protesta contro l'obbligatorietà dei vaccini nelle scuole. La manifestazione si intitolava "Libertà senza confini - Disobbedienti per amore" e ha avuto inizio in Piazza Oberdan per arrivare fino in Piazza Unità con disagi per il traffico veicolare che è stato interdetto nelle vie interessate dal serpentone. Presenti anche alcuni medici e consulenti scientifici ma anche tante famiglie con bambini. Nei giorni scorsi, il Comitato dei Genitori di Trieste per la Libertà di Scelta aveva denunciato il rifiuto, da parte del Comune, della richiesta di occupazione del suolo pubblico di Piazza Unità. La motivazione è stata che ”la finalità dell’iniziativa non è coerente con l’indirizzo espresso da quest’Amministrazione sul tema dei vaccini”. Il Comitato aveva espresso «sgomento» a fronte del diniego rivendicando la libera espressione del pensiero «diritto inviolabile di ogni cittadino». La manifestazione si svolge ugualmente in virtù dell’autorizzazione già ottenuta da Questura e Digos.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 29 Luglio 2017, 19:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vaccini, centinaia di persone in corteo per difendere la libertà di scelta
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2017-08-01 08:42:46
la cosa pazzesca (ossimoro?) e' che mentre dovremmo, o vorremmo "vaccinare" i nostri bambini contro solo una decina di malattie [e quattro consigliate ma non obbligatorie], contemporaneamente si importano centinaia di migliaia di stranieri pure provenienti magari da paesi pieni di "colera" "ebola" "dengue" e decine di "altre malattie tropicali" (in alcuni paesi africa del sud l'AIDS lo ha UNO ogni QUATTRO e mi sembra sia tuttora praticamente incurabile ho sentito di un caso ma forse e' l'eccezione che conferma la regola)
2017-07-30 10:15:01
Non si chiama libertà. Chi vuole il male altrui non inneggia alla libertà. Si tratta di ignoranza recondita
2017-07-30 12:19:03
Giusto sì. Quindi il prossimo anno verrà interdetto l'accesso a scuola anche i bimbi portatori di epatite b o sieropositivi? Perchè esistono anche loro eh? e dovrebbero essere considerati piccoli potenziali untori. Ah ma no, il politicamente corretto non lo concede e caprette belanti stanno zitte e guardano solo che i non vaccinati sono pericolosi mentre un povero piccolo che (purtroppo per lui) è sieropositivo o malato di epatite b (per la quale esiste il vaccino imposto ergo riconosciuta come malattia pazzescamente mortale e contagiosissima!) non costituisce pericolo. Bravo! Ignoranza recondita contro ignoranza in corso mi sa..
2017-07-31 13:11:49
Se non vaccino chi sta attorno al soggetto debole lo rendo maggiormenete preda dei virus.. Ah ignoranza recondita al quadrato
2017-07-29 22:00:38
Ecco la variante suicida dei "No-a- tutto": quelli che privilegiano l'Ideologia alla Scienza. E che in nome del loro fanatismo sono pronti a sacrificare se stessi e i loro figli a malattie terribili: quelle che l'Occidente ha impiegato secoli per debellare. Non sono diversi dai fanatici infinocchiati dai predicatori di odio che ammazzano disgraziati a caso, in nome delle loro credenze.