Truffa della casa vacanza a buon prezzo: nei guai due uomini residenti nel triestino

PER APPROFONDIRE: affitto, casa, mare, trieste, truffa
La casa vacanza al mare in affitto a un prezzo stracciato... ma c'era il trucco
Hanno messo in affitto su internet una finta casa vacanze ad Andora (Savona) e, proponendo prezzi vantaggiosi, sono riusciti a mettere a segno diversi colpi a danno di ignari cittadini. Due uomini residenti in provincia di Trieste, uno di 32 e l'altro di 53 anni, sono stati denunciati dai carabinieri di Vercelli per truffa aggravata in concorso.

Una delle vittime del raggiro è un vercellese di 45 anni residente a Tronzano, il quale si è imbattuto in un annuncio accattivante per una casa estiva in Liguria. L'uomo, attratto dalle condizioni favorevoli dell'annuncio, tra cui la vicinanza della casa al mare, è stato convinto dall'affittuario nel versare una caparra di 450 euro per "fermare" l'alloggio; a seguito di un sopralluogo, però, la vittima della truffa si è accorta che non esisteva alcuna casa in affitto. Dai primi accertamenti il vercellese ha scoperto che altri, come lui, erano stati raggirati. Grazie alla denuncia, i militari sono riusciti a risalire ai truffatori, che sono stati identificati e denunciati. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 16 Maggio 2019, 17:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Truffa della casa vacanza a buon prezzo: nei guai due uomini residenti nel triestino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-05-17 06:52:27
Un vecchietto apparentemente intento a far legna, si sedeva davanti a baite di montagna qua e la', situate nei pressi di strade forestali o sentieri escursionistici ed aspettava con calma . .Qualche turista, dopo ammirati complimenti alla costruzione tipica un poco da ristrutturare, chiedeva se la casetta foosse in vendita.Il furbetto con fare da ingenuo e rozzo, rispondeva di si', che ormai non ce la faceva piu' a slire cosi' in alto, esponeva una richiesta modica fuori mercato, poi quando i turisti abboccavano chiedeva subito una capparra di50 mila lire per fermare il prezzo date anche le frequenti richieste di altrituristi e compaesani, ..e dava ricevuta con firma falsa su pezzo di carta scritto a matita e dava appuntamento per il giorno dopo presso l'unico notaio giu' in paese.
2019-05-16 20:06:56
meglio andare dalle suore o dai preti, alle 19 tutti a letto e nessuno che rompa i maroni in zona. posti seri al 99,9 periodico all'infinito, oltre che periodico.