Dopo le polemiche pronta in piazza la statua di Gabriele D'Annunzio

Dopo le polemiche pronta in piazza la statua di Gabriele D'Annunzio

di E.B.

TRIESTE - Conto alla rovescia per l'inaugurazione - domani 12 settembre alle 12 - in piazza della Borsa della statua bronzea di Gabriele D'Annunzio per celebrare i 100 anni dall'impresa di Fiume. Il sindaco Roberto Dipiazza ha postato oggi sulla sua pagina Facebook alcune foto che ritraggono l'installazione della statua raffigurante il poeta pescarese a gambe accavallate seduto su una panchina mentre è assorto nella lettura con il gomito del braccio sinistro su una pila di libri. Attualmente è in corso una mostra a lui dedicata al Salone degli Incanti curata da Giordano Bruno Guerri, massimo esperto del letterato dal titolo "Disobbedisco. La rivoluzione di D’Annunzio a Fiume 1919 - 1920”. La statua è costata circa 18mila euro e vuole essere un tributo al poeta in quanto massimo rappresentante dell'irredentismo del quale il capoluogo giuliano ne era città simbolo. La scelta di esporre in piazza la statua del Vate era stata nei mesi scorsi al centro di una polemica sfociata con una raccolta firme on line motivata dal fatto che secondo i proponenti D'Annunzio non c'entra nulla con Trieste e la sua collocazione davanti alla Camera di commercio è offensiva. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 17:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dopo le polemiche pronta in piazza la statua di Gabriele D'Annunzio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-09-12 16:06:02
Il capitano D'Annunzio, ufficiale di collegamento tra la Brigata Toscana e la 45a Divisione, ordino' di sparare sui nostri soldati, rinchiusi in una sacca ma rei di non voler farsi ammazzare, nell'azione di quota 28, il 28 maggio 1917. La fonte e' il capitano Luccio Formisano, comandante del II/77° fanteria della Brigata Toscana. Per l'eroismo dimostrato il D'Annunzio fu decorato di medaglia d'argento al valor militare, con motivazioni che non reggono la realta' dei fatti (come la medaglia d'oro alla memoria concessa al maggiore Randaccio caduto nella medesima azione). In tutta franchezza non mi pare personaggio cui dedicare una statua cittadina.