Sorpresi a dormire e licenziati, ma il giudice ordina il reintegro

Sorpresi a dormire e licenziati  ma il giudice ordina il reintegro

di E.B.

MONFALCONE - Il Giudice del Lavoro di Gorizia, Barbara Gallo, ha ordinato a Fincantieri il reintegro in servizio di quattro operai che in ottobre erano stati sorpresi a riposare sul posto di lavoro durante una pausa del turno di notte. Pur confermando l'episodio, il magistrato ha ritenuto che la sanzione sia stata eccessiva rispetto al comportamento dei quattro, tanto più che la pausa nel turno è prevista negli accordi aziendali; altri due dipendenti erano tra l'altro stati semplicemente sospesi. L'azienda ha ora un termine di cinque giorni per richiamare in servizio i quattro operai. L'azienda cantieristica sottolinea in una nota che nella sentenza - depositata ieri - il Tribunale di Gorizia riconosce «che l'episodio è effettivamente avvenuto, come provato da Fincantieri e che fosse legittimamente sanzionabile». «Tale decisione - puntualizza Fincantieri - produce un triplo danno: all'attività dell'azienda, che senza contare l'aspetto economico si trova a dover riassorbire dipendenti che hanno dimostrato scarsa serietà e professionalità; alla cultura del lavoro, facendo passare il messaggio che sul luogo di lavoro tutto può essere tollerato, persino dormire; in materia di sicurezza, poiché contravvenire ai più basilari precetti comporta un rischio per la propria incolumità e per quella degli altri».
La società ritiene dunque il provvedimento «fortemente lesivo non solo nei propri confronti ma anche nei confronti delle migliaia di persone perbene che ogni mattina varcano i cancelli dei propri cantieri per svolgere con impegno il proprio lavoro, e proporrà opposizione in tutte le sedi».



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 15 Marzo 2017, 16:41






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Sorpresi a dormire e licenziati, ma il giudice ordina il reintegro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 44 commenti presenti
2017-03-16 11:49:47
L'articolo non è molto chiaro nello spiegare l'accaduto. Non si capisce se dormivano durante la pausa od oltre, oppure durante l'orario di lavoro. Rimane il fatto che, comunque, chi non ha voglia di lavorare è, sempre, protetto e difeso. D'altronde da noi il lavoro è un diritto, non un dovere.
2017-03-16 09:50:31
A lavorare il giudice , forse sono abituati a dormire !!!!
2017-03-16 09:33:27
sti giudici, che mai avranno dipendenti, hanno potere di vita e di morte su tutti. che schifo. non si può licenziare e chi volete mai che assuma???????
2017-03-16 09:21:14
Ma chi commenta legge gli articoli ? e se sì, ne comprende il significato ?
2017-03-16 09:09:24
Dormivano durante la PAUSA di lavoro.PAUSA.C'è chi mangia,chi telefona alla fidanzata,chi va al bagno e chi si appoggia al muro ,chiude gli occhi e si riposa.Piuttosto bisogna sapere se effettivamente hanno violato qualche norma di sicurezza,ma anche in tal caso il licenziamento è un provvedimento spropositato.Non hanno ucciso nessuno.A me puzza di mobbing questa vicenda e ne so qualcosa non solo in Fincantieri,ma anche in altre aziende. Fincantieri cominciasse a non subappaltare a ditte esterne,che assumono cingalesi sottopagati,prima di parlare di serietà e professionalità.Evidentemente gli operai interni costano troppo e trovano ogni scusa per rimpiazzarli con manodopera a basso costo.