Trieste, il sindaco Dipiazza: «Basta accogliere tutti, gli stranieri protagonisti degli ultimi episodi di cronaca: voglio più controlli»

Lunedì 10 Gennaio 2022
Roberto Di Piazza
7

TRIESTE - «Bisogna cominciare a fare dei ragionamenti sull'accoglienza: non si può accogliere tutti e dire "fate quello che volete". Servono maggiori controlli nei confronti degli stranieri che arrivano. Mi sto già attivando, voglio un controllo più forte sulla città, parlerò con prefetto e forze ordine».

Lo ha detto il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza, dicendo di essere «disperato» per quanto accaduto ma ricordando che molti degli ultimi violenti casi di cronaca hanno avuto per protagonisti stranieri, dall'omicidio dei due agenti in Questura, al ragazzo pachistano morto, alla sparatoria in centro di mesi fa. Dipiazza ha sostenuto che occorre «fare un ragionamento sull'accoglienza diffusa dei migranti voluta dalla sinistra», precisando che «non si tratta di un attacco politico», parlando anche dei «nostri valori universali» che evidentemente non sono condivisi da tante persone che giungono in Italia. Prendendo ad esempio il caso di Meran, il giovane sudamericano che uccise i due agenti in Questura, Dipiazza ha ricordato che «la Germania, da dove arrivò in Italia, aveva segnalato che si trattava di una persona che aveva dei problemi». Insomma, «possiamo mettere in piedi un controllo per chi arriva, per avere un controllo più forte della città prima di aprire la porta a tutti». 

Ultimo aggiornamento: 13:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA