Rubava "abbracciando" le vittime: 20enne arrestata al confine, rientrava in Romania su un bus

Sabato 10 Ottobre 2020 di E.B.

TRIESTE - I carabinieri di Basovizza, nel corso di un controllo di retrovalico svolto a Fernetti, hanno intercettato una giovane romena destinataria di un ordine di carcerazione. La ragazza, appena 20enne, viaggiava a bordo di un bus di linea proveniente dalla Spagna

 

Dagli accertamenti svolti dai militari è risultata essere stata colpita dal provvedimento restrittivo, emesso nel settembre 2019 dalla Procura della Repubblica Presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna, per una serie di reati contro il patrimonio commessi a Bologna e provincia quando ancora era minorenne. Tra i 14 e i 17 anni, infatti, assieme ad altri coetanei, si era specializzata nel furto con destrezza sfruttando la tecnica dell’abbraccio. Individuata la vittima, generalmente un anziano, la avvicinava chiedendo informazioni e, dopo averla circuita, per ringraziarla la abbracciava, sfruttando il contatto fisico per sfilarle oggetti di valore. In una occasione la banda aveva preso di mira anche un disabile su carrozzina. L’uomo, nel tentativo di divincolarsi dall’abbraccio, era rovinato a terra. Era stata arrestata più volte ma era sempre riuscita a evitare il carcere perché incinta. È quindi stata dichiarata in arresto e condotta all'Istituto di pena per minori di Pontremoli. Dovrà scontare 3 anni e 9 mesi di reclusione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA