Regeni, striscione rimosso: il Pd fa da sé con cartelli alle finestre

Lunedì 24 Giugno 2019 di E.B.
Il consigliere regionale Francesco Russo (Pd)
4

TRIESTE - Cartelli con la scritta nera su sfondo giallo per chiedere «Verità per Giulio Regeni» sono stati affissi alle finestre degli uffici del gruppo consiliare regionale del Pd in Fvg nelle sedi istituzionale di Trieste e di rappresentanza di Udine e Pordenone. Nei giorni scorsi lo striscione affisso al palazzo della Regione era stato rimosso su irrevocabile volontà del governatore Massimiliano Fedriga. «La posizione della Regione e del Consiglio regionale su Regeni - afferma il capogruppo del Pd in Consiglio Fvg, Sergio Bolzonello, annunciando l'iniziativa del gruppo a sostegno della campagna di Amnesty International - non può e non deve cambiare. Non deve sfuggire a nessuno come nelle controversie internazionali sia importantissima la presa di posizione dei Governi e delle Istituzioni locali come elemento di pressione perché non venga ostacolata la ricerca della verità e si possa aiutare a costruire un clima favorevole all'accertamento della verità e al fatto che sull'orribile fine di Giulio Regeni venga fatta giustizia. Noi oggi facciamo la nostra parte appendendo alle finestre dei nostri uffici, nelle sedi Trieste, Pordenone e Udine la scritta su fondo giallo, 'Verità per Giulio Regeni». «Da parte nostra - conclude - non c'è alcuna volontà di strumentalizzare i comportamenti altrui, come quello del presidente Fedriga. Noi semplicemente non condividiamo la sua scelta e ribadiamo la nostra posizione di vicinanza alla famiglia di Giulio Regeni». Anche il Movimento 5 stelle in Consiglio regionale ha affisso alle finestre dei propri uffici lo striscione giallo con la scritta nera smarcandosi immediatamente dalle decisioni della presidenza regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA