Martedì 8 Ottobre 2019, 10:50

Poliziotti uccisi a Trieste, la pista tedesca: si cercano legami del killer con gruppi criminali

Poliziotti uccisi a Trieste, la pista tedesca: si cercano legami del killer con gruppi criminali

di Marco Agrusti

TRIESTE - Alejandro Augusto Stephan Meran è in carcere, piantonato a vista da un agente della polizia penitenziaria di Trieste che ha il compito di sorvegliarlo 24 ore su 24 per evitare che commetta atti di autolesionismo. La Procura ha deciso di rinforzare le misure di sicurezza anche in regime di carcerazione, raggiungendo il livello di massima sorveglianza, perché ritiene concreto il pericolo che il 29enne dominicano che venerdì ha ucciso gli agenti Matteo Demenego e Pierluigi Rotta possa tentare il suicidio in cella. «Spero che resti in carcere», ha detto Gianluca Demenego, fratello di Matteo. GLI SPARI - IL VIDEO CHOC
 

VIDEO
POLIZIOTTI UCCISI A TRIESTE: ecco il video choc della strage con l'assassino in fuga che spara all'impazzata
«Dormite tranquilli, c'è la Volante 2 in giro»: così sorridevano allegri durante il turno di notte i due poliziotti uccisi
Migliaia per strada con le candele
L'omaggio delle volanti alle vittime di Trieste
Ill racconto terribile della collega: «Sparavano dappertutto»
La testimone: «Hanno rubato la pistola e sparano»
L'ANNUNCIO DELLA MORTE DEI DUE POLIZIOTTI - Il messaggio ai colleghi

LA DECISIONE
La Procura nei prossimi giorni avvierà le procedure per una perizia collegiale sullo stato di salute psichica di Alejandro Augusto Stephan Meran. La consulenza psichiatrica dovrà chiarire se al momento del duplice omicidio Alejandro fosse in grado di intendere e di volere. E ieri sono state diffuse anche le immagini dell'omicidio riprese dalle telecamere della questura. Di primo acchito, scene di lucida follia, che si sposano con la tesi della magistratura giuliana. I fotogrammi inquadrano l'assassino mentre ha in mano due pistole e spara all'impazzata nell'atrio del palazzo e poi all'esterno. Un video che può far capire anche l'effettiva dimestichezza del dominicano
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Poliziotti uccisi a Trieste, la pista tedesca: si cercano legami del killer con gruppi criminali
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-10-08 19:41:18
Mi dispiace ovviamente per i due poliziotti che stavano facendo il loro dovere, ma come non dare ragione a Salvini quando dice che vuole sapere chi entra a casa nostra? Abbiamo in giro gente (anche dell' ex jugoslavia ad esempio) che nel loro paese ha un passato da delinquente e noi non sappiamo nulla, cosi' non va assolutamente bene. I delinquenti se ne devono restare nel loro paese!!!!
2019-10-08 15:54:00
Coop intese come cooperative.
2019-10-08 15:24:54
Intato scandagliamo anche la pista italiana, che forse porta a legami con la politica, la chiesa, le coop, e la malavita.
2019-10-08 15:12:17
Speriamo non rubi la pistola anche all' "agente della polizia penitenziaria di Trieste che ha il compito di sorvegliarlo 24 ore su 24 per evitare che commetta atti di autolesionismo"... perchè se dovesse farsi anche solo un taglietto la responsabilità è dell'agente, ovvio... in questo paese ci si può aspettare di tutto!
2019-10-08 16:11:23
credo che le "guardie penitenziarie" già "Agenti di Custodia" all'interno delle carceri siano "disarmate" (solo delle "sentinelle sui muri perimetrali" armate)