Domenica 6 Ottobre 2019, 09:25

Poliziotti morti a Trieste, 16 colpi per uccidere, l'Apocalisse di un folle

Poliziotti morti a Trieste, 16 colpi
Ha scaricato due Beretta d'ordinanza

di Marco Agrusti

TRIESTE - Ha scaricato due Berretta d'ordinanza. Era una furia. I colpi esplosi, dai 15 ipotizzati in un primo momento, sono diventati 16. Cioè tutti quelli a disposizione. Alejandro Augusto Stephan Meran (Chi è il killer, cosa faceva e le voci sentite il giorno prima della tragedia - LEGGI), il 29enne dominicano che in Questura a Trieste ha ucciso l'agente scelto Pierluigi Rotta e l'agente semplice Matteo Demenego (La fidanzata sotto choc - LEGGI), era incontrollabile (Il giorno della tragedia - QUI). E poteva provocare una strage ancora più grave di quella commessa in un venerdì di follia («Avrebbe potuto uccidere 10 agenti» - LEGGI). Ha sparato all'impazzata, sfiorando poliziotti e dipendenti della Questura, i suoi proiettili stavano per raggiungere anche alcuni automobilisti. E man mano che passano le ore, i momenti della tragedia di Trieste prendono contorni più chiari (L'ultima missione di Pierluigi e Matteo: i due poliziotti hanno salvato un 15enne dal suicidio - LEGGI).

LEGGI ANCHE
Trieste, in un video le immagini della sparatoria: «Scene drammatiche»

«Il killer poteva uccidere 10 agenti». Il Viminale: no speculazioni
Chef Rubio, fratello poliziotto ucciso reagisce al tweet: ti auguro di perdere un caro. Poi le scuse
Chef Rubio, Rita Dalla Chiesa lo accusa: «Vergognati, sapessi almeno cucinare»
Trieste, su Fb il post commovente del padre di Matteo Demenego: ciao mio eroe, ora sei il nostro angelo custode

VIDEO
Il racconto terribile della collega: «Sparavano dappertutto»
L'audio di una testimone: «Hanno rubato la pistola e sparano»
L'ANNUNCIO DELLA MORTE DEI DUE POLIZIOTTI - Il messaggio ai colleghi

FOTO
Chi erano Matteo Demenego e Pierluigi Rotta
Trieste, sparatoria davanti alla Questura: morti due agenti di polizia
Mazzi di fiori deposti davanti alla Questura
 
 

Alejandro Augusto Stephan Meran, la cui mano ha esploso i cinque colpi di pistola che sono risultati fatali ai due agenti poco più che trentenni, è piantonato all'ospedale Cattinara di Trieste. È in stato di fermo, convalidato ieri sera. Il gip si è riservato di vagliare attentamente i problemi psichici del soggetto: un provvedimento è atteso a ore.
 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Poliziotti morti a Trieste, 16 colpi per uccidere, l'Apocalisse di un folle
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 34 commenti presenti
2019-10-06 18:31:27
Ancora non ho trovato sul web come funziona una fondina di polimero con sicurezza antisfilamento..a prova di esagitato ma ben dotato di destrezza. Ho sentito racconti di arrestati che fingono crisi epilettiche , bava alla bocca, tremiti, mandibole tenacemente serrate con lingua automorsa a sangue occhi con orbite rovesciate, da attori consumati..metodo Stanislawki dell'Accademia segreta del crimine.
2019-10-06 15:23:54
Mettereste mai il vostro cagnolino di piccola taglia in un recinto con dei pitbull? Lo Stato italiano fa questo da decenni, ci lascia in balia di bestie, matti, criminali. Solita scusa dei carceri pieni assieme a leggi che favoriscono gli avvocati difensori. E intanto i cittadini onesti e buoni sono a rischio. Vergognatevi politici, di ogni schieramento politico. Siete contro l'Italia, altro che giuramento in Parlamento.
2019-10-06 15:02:13
va ben non importa, adesso lo perdoneranno tutti e il giudice di turno gli farà pure i complimenti, visto che ha creato 2 nuovi posti di lavoro, ci dimentichiamo sempre e troppo spesso di essere in italia e l'italia è questa, è così.
2019-10-06 13:23:08
il termine killer è troppo abusato sopratutto dai media x enfatizzare i titoli, dispiace molto x questo fatto ma non si deve dimenticare anche il fattore mentale delle persone, uno sano di mente in questura x un furto di poco conto non fà proprio questo macello.....
2019-10-06 13:05:44
Chi non si ricorda di quell'episodio accaduto circa 30 anni fa, quando due CC avevano fermato un pregiudicato che era ricercato e che era loro proibito mettergli le manette di fronte alle persone che stavano a guardare e che poi in auto, il pregiudicato aveva nascosto nei calzini una pistola, o un coltello, con cui aveva ucciso uno dei CC e ferito gravemente l'altro, salvatosi solo perchè fingendosi morto?. Questa è la legge italiana, la legge di Pannella, la legge di "nessuno tocchi Caino", la legge dei condoni facili e di apertura delle carceri. O si cambio tutto drasticamente o qui finisce in carcere solo la vittima e non il colpevole.