Anarchici choc: ​«I due agenti uccisi erano dei mercenari», la Digos indaga sulle offese

Giovedì 21 Novembre 2019 di Marco Agrusti
 Pierluigi Rotta e Matteo Demenego
26

TRIESTE - «I due poliziotti uccisi erano mercenari». E ancora: «Non versiamo lacrime per gli uomini in divisa ammazzati». Sono solo alcune delle frasi pronunciate sabato mattina da alcuni giovani anarchici del gruppo  friulano “Assemblea permanente contro il carcere e la repressione” contro gli agenti della polizia Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, uccisi in Questura a Trieste il 4 ottobre scorso dal dominicano Alejandro Augusto Stephan Meran.

Il sit-in anarchico, regolarmente autorizzato, è andato in scena di fronte al carcere triestino. Ora indaga la Digos del capoluogo giuliano ed è al vaglio la possibilità di denunciare due giovani membri del presidio. 
 

Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 11:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA