Controlli pasquali a Trieste, la Guardia di finanza mobilita 130 militari e 12 unità navali

Venerdì 10 Aprile 2020 di R.U.
Un elicottero della Guardia di Finanza
Oltre 130 militari delle Fiamme Gialle triestine saranno impegnati nel territorio provinciale e in mare a Trieste, durante il periodo delle festività di Pasqua, per verificare il rispetto delle prescrizioni che Governo e Regione F.V.G. hanno imposto al fine di contenere la diffusione del coronavirus.

Gli interventi operativi riguarderanno sia le attività commerciali per le quali vige l’obbligo di chiusura, sia quelle deputate alla vendita di beni di prima necessità e alle stesse correlate, al fine di scongiurare pratiche commerciali scorrette; i controlli della Finanza verranno anche rivolti sulle aziende che, in base alle recenti norme, hanno fatto istanza alla Prefettura per accedere alla c.d. “continuità produttiva”.

I militari del Corpo, unitamente ai colleghi delle altre Forze di Polizia, presidieranno anche diversi tratti stradali della provincia, per accertare che i cittadini osservino le note limitazioni agli spostamenti. A tal proposito - nell’ambito della propria esclusiva competenza concernente i servizi di ordine e sicurezza pubblica “a mare” - sarà prezioso il contributo che verrà fornito da 12 unità navali del Reparto Operativo Aeronavale di Trieste, attive presso la zona litoranea e nel golfo giuliano.
Negli stessi giorni, inoltre, un elicottero della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Venezia-Tessera, supporterà dall’alto le pattuglie di terra e quelle in mare.

In questo primo periodo di emergenza “Covid-19” sono state ben 263 le pattuglie impiegate dalla Guardia di Finanza di Trieste, di cui 45 unità navali. Effettuati 6.233 controlli, 194 nei confronti di esercizi commerciali. 52 le sanzioni elevate a carico di persone fisiche, 2 nei confronti di esercizi commerciali.

  Ultimo aggiornamento: 14:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA