Multa sul cruscotto e lui bestemmia: si becca un'altra sanzione da 102 euro

PER APPROFONDIRE: bestemmie, multe, polizialocale, sanzioni, trieste
Il multato sui social

di E. B.

TRIESTE - Curioso episodio  l'altra mattina in pieno centro, piazza della Borsa, dove un triestino è finito nei guai.

Era stato multato dalla Polizia locale per aver lasciato l'auto in una zona adibita al carico/scarico di merci, ma per un tempo pare eccessivo rispetto alle reali motivazioni di lavoro. Quando il diretto interessato però si è accorto della multa lasciata  sul cruscotto della sua auto, evidentemente in preda alla rabbia, ha bestemmiato.

A quel punto l'agente di polizia locale ha deciso di elevargli una seconda multa di 102 euro. Il regolamento di polizia urbana vieta infatti la bestemmia e il turpiloquio nei luoghi pubblici. 

SOCIAL - Poi sui social un parente del multato ha raccontato la vicenda e la presunta "vittima" della severità dell'agente ha postato una foto sorridente. Contento lui....

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 13 Luglio 2019, 09:29






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Multa sul cruscotto e lui bestemmia: si becca un'altra sanzione da 102 euro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2019-07-15 09:30:50
per gli "standard" di "Trieste Asburgo" questo è già un "peccatore" probabilmente "in Toscana" avrebbero fatto a gara autista e vigile "a chi smoccola meglio" "maremma majala" "ma..... buHaJola"
2019-07-15 09:05:46
vedo che il signore ride soddisfatto sicchè ...... tutti contenti
2019-07-14 22:16:42
... bestemmia .. a) chi lo ha deciso che trattasi di blasfemia, b ) - chi l'ha sentita ( ci sono testimoni ); c) - essendo atto contro la pubblica fede ( o decenza o qualcosa di simile ) se non c'è pubblico che atto è.. è in grado il pubblico ufficiale di riproporla di fronte alle autorità che dovranno decidere sulla sanzione se ricorsa?. o è un atto irripetibile ( se la ripete va sanzionato pure il vigile ).. mi sa che la storia sia davvero nata male e soprattutto giuridicamente inconsistente. ciò avvalora la tesi del vigile napoleone..
2019-07-14 17:34:41
Ma quando avevano giustamente proposto di togliere tutti i crocefissi dai luoghi pubblici non eravate tanto laici, o no ?...ahhaahhahahahahahaha...ciao enrico..ciao.
2019-07-14 17:30:58
I recenti interventi della Corte Costituzionale, del Parlamento e del Governo non hanno risolto l’assurdita' di una tutela legale della bestemmia. Oltre a essere diventata, in alcuni casi, quasi un intercalare, va riaffermato con forza che la bestemmia, al giorno d’oggi, non rappresenta altro che la tutela giuridica di “persone” la cui esistenza e' indimostrabile. Nel 2014, persino dall’Onu sono emerse richieste di abrogare ogni legislazione anti-blasfemia. L’Irlanda, un paese molto piu' «cattolico» dell’Italia, l’ha fatto nel 2018 con un referendum, vinto con oltre il 70% dei voti.