Schianto con la Smart sulla Pontina, muore 39enne. Lavori sotto accusa: «Barriere in cemento pericolose»

Lunedì 24 Febbraio 2020 di Mirko Polisano
Muore sulla Pontina, lavori sotto accusa: «Barriere in cemento pericolose»
1

Cantieri mobili e un guardrail pericoloso potrebbero essere tra le cause dell’incidente mortale di sabato sera sulla via Pontina, costato la vita a un 39enne Paolo Pellicciari, nato a Trieste, ma residente da tempo a Roma. È accaduto poco dopo le 21.30 all’altezza di viale Carlo Levi. Ancora incerta la dinamica, anche sa da una prima ricostruzione sembrerebbe che l’uomo - alla guida di una Smart - avrebbe fatto tutto da solo. L’auto, che forse andava a una velocità sostenuta, per evitare uno dei tanti restringimenti improvvisi della carreggiata avrebbe sbandato, uscendo fuori strada. L’utilitaria così si è andata a scontrare prima con il guardrail di destra e poi quello di sinistra, come in una sorta di “flipper”.

Un impatto violento e fatale per il conducente alla guida morto sul colpo, dopo essere stato sbalzato dal finestrino sull’asfalto. La macchina, infine, ha fatto una carambola ed è precipitata dal cavalcavia. Le schegge della Smart in frantumi hanno colpito una vigilessa alla gamba che, con un’altra pattuglia, stava rilevando un altro incidente vicino. Per lei alcuni punti di sutura al polpaccio. «Un incidente da film», lo hanno descritto i testimoni. A confermarlo anche gli agenti della polizia locale del Gruppo Marconi che hanno effettuato i rilievi e sono stati i primi a ricostruire l’accaduto.

Roma, non solo alberi, ora crollano anche i semafori: è allarme sicurezza

Sotto accusa, ancora una volta, la pericolosità di quel tratto della Pontina che si conferma una strada killer. Cantieri mobili, scarsa visibilità e manto stradale ridotto a un colabrodo sono tra le principali cause degli scontri che si registrano quotidianamente. «Il motivo dell’incidente – racconta un automobilista - è legato con molta probabilità alla mancata segnalazione dei lavori con la presenza di una barriera in cemento che “tagliava “ la corsia. Infatti esattamente ieri passando con la mia vettura ho segnalato ai vigili urbani la folle situazione di estremo pericolo per le vetture. Personalmente ho rischiato anche io viaggiando a velocità tutt’altro che alta. In quel punto è stata creata una barriera in cemento non segnalata bene: “tre lucette” collocate sopra il muro visibili a poche decine di metri dal punto di inizio restringimento. Inaccettabile, e un uomo muore così» . «Anche io – aggiunte un altro testimone – ho segnalato la pericolosità di quel tratto a causa dei cantieri non segnalati adeguatamente, aspettavamo che accadesse la tragedia per poter intervenire. E purtroppo così è stato».

Ultimo aggiornamento: 11:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA