Migranti. Fototrappole per animali sul Carso per "catturare" i migranti irregolari

Tuesday 14 January 2020 di Redazione
Una fototrappola che solitamente si usa per immortalare la fauna selvatica
3

Migranti catturati con le fototrappole per orsi e lupi. La scelta del Friuli Venezia Giulia è destinata a sucitare il dibattito sulle misure di difesa dei confini dell'Italia, in questo caso di quello italo-sloveno. Nel mirino tutti i migranti che seguono la rotta balcanica.

Arrivano le fototrappole lungo i sentieri che segnano il confine tra Italia e Slovenia. Serviranno a "scovare" i profughi che tentano di raggiungere il Friuli Venezia Giulia dalla rotta balcanica. Si tratta degli stessi dispositivi generalmente utilizzati per monitorare la fauna selvatica.

Migranti. Fedriga: «Barriere e radar termici per i controlli al confine Nordest»
Migranti, è la Slovenia ad alzare il muro: altri 40 km di filo spinato

Fototrappole per gli animali sui sentieri per "catturare" i migranti

L'annuncio è stato firmato dall'assessore regionale alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti. "La Regione Fvg è pronta ad acquistare fototrappole da posizionare sui sentieri in prossimità dei confini per individuare in tempo reale i transiti di immigrati irregolari. Questi sistemi di rilevazione ottica trasmetterebbero i dati raccolti all'Amministrazione regionale e alle Forze dell'ordine, permettendo così interventi mirati e aumentando il numero di riammissioni, in particolare verso la Slovenia", ha detto. 

L'assessore ha quindi precisato che "si tratta di apparecchiature poco costose che, grazie a specifici software, possono essere tarate per individuare solo la presenza umana. La loro adozione è quindi un'opportunità interessante che va ad aggiungersi alle altre già prospettate, come l'utilizzo di droni o di postazioni fisse con telecamere termiche".

Profuga con 4 figli piccoli rintracciata su un carro merci
Rotta balcanica: 80 migranti rintracciati dalla Polizia sul Carso

 

Ultimo aggiornamento: 15 January, 17:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA