Trieste, africani esclusi da maratona. Giorgetti: «È sbagliato». Ira Pd

PER APPROFONDIRE: africani, atleti, maratona, trieste, vietata
A Trieste maratona vietata agli atleti africani. L'organizzatore: «Basta sfruttamento». Il Pd: «È razzismo»
TRIESTE - Atleti africani non ingaggiati per la mezza maratona di Trieste. È polemica sulla scelta dell'organizzazione che promuove la Trieste Running Festival di non ingaggiare atleti africani per la gara podistica. «Basta mercimoni. Quest'anno abbiamo deciso di prendere soltanto atleti europei per dare uno stop affinché vengano presi dei provvedimenti che regolamentino quello che è attualmente un mercimonio di atleti africani di altissimo valore, che vengono semplicemente sfruttati e questa è una cosa che non possiamo più accettare», ha spiegato il presidente della Apd Miramar, Fabio Carini, l'organizzazione che promuove la manifestazione podistica che si terrà a Trieste dal 3 al 5 maggio prossimo.

IL FATTO «Atleti africani come merci, solo europei alla nostra maratona». Scoppia la polemica

LA GIUSTIFICAZIONE
Secondo Carini, «troppi organizzatori subiscono le pressioni di manager poco seri che sfruttano questi atleti e li propongono a costi bassissimi e questo va a scapito della loro dignità, perché molto spesso non intascano niente e non vengono trattati con la giusta dignità di atleti e di esseri umani, ma anche a discapito di atleti italiani ed europei che chiaramente rispetto al costo della vita non possono essere ingaggiati perché hanno costi di mercato». «Mi spiace se qualcuno se l'è presa - commenta ancora Carini - hanno preso una cantonata mostruosa. La gara non è vietata agli africani, possono iscriversi tutti. Ora è il momento che da questa Trieste, città multiculturale, si dica basta allo sport che non è etico». «Il nostro obiettivo - ha poi concluso - è che questo non rimanga un fatto isolato ma che si cambi le regole».

I SOCIAL INSORGONO Africani esclusi dalla Maratona, scoppia la rivolta social: ​«Psicopatici. Bisogna fermarli»

LE REAZIONI
Una scelta che ha scatenato il putiferio. «Dopo l'apartheid giudiziaria introdotta dall'allora ministro Minniti, un grado di giudizio in meno per i richiedenti asilo, e dopo l'apartheid sulla cittadinanza introdotta da Salvini, i nuovi italiani saranno revocabili, arriva l'apartheid sportiva del Trieste Run Festival dal quale sarebbero stati esclusi gli atleti africani», afferma in una nota Fatou Boro Lo, candidata per Europa Verde alle Europee nella circoscrizione Nord Est, commentando le notizie di stampa riguardo alla manifestazione sportiva triestina. «Come candidata al Parlamento europeo nel Nord-Est e cittadina italiana di origine straniera - aggiunge Fatou Boro Lo - denuncio con forza questa gravissima discriminazione e mi mobiliterò per contrastarla con ogni mezzo consentito dallo stato di diritto. Chiedo agli organizzatori prima e poi alle istituzioni nazionali, regionali e locali di prendere subito una posizione netta e riportare questa meravigliosa manifestazione alla bellezza dello sport che è socialità, incontro di culture, promozione dei valori di fratellanza universale».

«Senza vergogna. Se non lo avessi letto stamani sui giornali del Friuli Venezia Giulia, stenterei a crederci. Ad una maratona a Trieste non verranno ingaggiati atleti di origine africana: succede non nel Mississippi degli anni '50 bensì nel 2019 in una città capitale della cultura mitteleuropea, Trieste», accusa in una nota, Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana. Gli fa eco il capogruppo di Liberi e Uguali alla Camera, Federico Fornaro: «La decisione di escludere gli atleti di colore dalla maratona della Trieste Run Festival è una macchia per l'Italia nel mondo. Il Governo intervenga subito per bloccare questa autentica vergogna internazionale. Lo sport è sempre stato uno strumento di incontro tra atleti di tutto il mondo, un momento di integrazione e di uguaglianza e deve continuare a svolgere questo fondamentale ruolo sociale».

E c'è già chi chiede il ritiro degli sponsor e dei partner istituzionali. «Vietare la partecipazione alla maratona di Trieste agli atleti africani va contro la Costituzione - attacca il senatore del Pd, Davide Faraone -, è un atto palesemente razzista ed è per questo che i partner istituzionali, quali il Coni e la Fidal, e Generali che è Main sponsor, dovrebbero immediatamente prendere le distanze dagli organizzatori e annullare la sponsorizzazione di questa scandalosa manifestazione che umilia lo sport nei suoi valori più alti».

LA FEDERAZIONE ITALIANA ATLETICA LEGGERA APRE UN FASCICOLO
«Siamo la federazione che applica già uno ius soli molto avanzato, dove l'uguaglianza e il rispetto sono l'assoluta normalità. Vigileremo con la massima attenzione, verificando i fatti e le motivazioni»: sono la parole, affidate ai social, di Fabio Pagliara, segretario generale della Federazione italiana atletica leggera (Fidal, rispetto alla decisione degli organizzatori di Trieste Running Festival di non ingaggiare atleti africani. Pagliara ha anche fatto sapere di aver già chiesto alla sezione Fvg una relazione sull'accaduto e che, «anche su sollecitazione del Coni, in queste settimane si sta lavorando per una »rivisitazione del ruolo degli agenti«. Secondo quanto apprende il sito Gazzetta.it, la Procura Federale della Federazione avrebbe aperto un fascicolo sulla decisione degli organizzatori giuliani. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 27 Aprile 2019, 12:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Trieste, africani esclusi da maratona. Giorgetti: «È sbagliato». Ira Pd
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2019-04-28 14:55:22
la maratona è una corsa amatoriale e non deve essere una competizione professionale, basta vedere gli atleti partecipanti e la loro provenienza, baste vedere i premi in palio.
2019-04-28 11:31:11
Credo che la soluzione più semplice sia non ingaggiare nessuno, chi vuole corre gratis altrimenti se ne sta a casa. Quelle nostrane sono e devono restare maratone amatoriali e tali devono tornare. Il bello è la quantità dei partecipanti e la festa popolare non 4 superdotati che gareggiano tra loro.
2019-04-28 08:05:22
Tanto can can per manifestazioni sportive non professionali. E cosa dovrebbe dire il giocatore di una squadra che passa la palla al suo compagno che guadagna il doppio ? La vittoria è della squadra, eppure ...
2019-04-28 07:53:53
Basterebbe togliere l'incentivo molto stimolante gli appetiti, consistente in monte premi in denaro.Poi partecipino pure i guru dell'atletica, mentre se si vuole premiare adeguatamente i veri campioni di alto livello, ci stanno apposta le gare ufficiali.Altrimenti escludere i praticanti alle strapaese, detti tapascioni, che pagano cifre esorbitanti per finanziare in tutto o in parte il premio ai loro beniamini.Tra l'altro questi spesso appartengono ai ranghi di corpi militari nelle rispettive nazioni, e se vincono fanno pure carriera. Altro aspetto: premi sotto forma di prosciutti, salami, mortadelle .Cosi'si iscrive solo chi ambisce a tali manicaretti. Confidenze di umile runner che a volte fa parte di staff organizzatore di maratona paesana: a certe mezze o intere maratone si invitano ex atleti di grido...si paga un forfait concordato , si osannano alla partenza in prima fila, speacker e tifosi in delirio per un autografo..poi l'ex plurimedagliato partito a razzo, piano piano si defila, e si ritira alla chetichella, bua al pancino..problemi difebbre o maldidenti...Solo un allenamentino per illudere i baucchi...Niente da stupirsi se magari partisse in auto per altra gara che inizia nelle vicinanze un'ora dopo.
2019-04-27 20:35:25
bravi a denunciare questo tipo di sfruttamento come i mendicanti o posteggiatori fuori dagli ospedali....