Morte di Liliana, perizie, Tac e radiografie su Youtube. Il Procuratore capo: «Stop al circo mediatico e ai processi paralleli». Il fratello: «Ripetere l'esame medico legale»

Sergio Resinovich annuncia querela contro chi ha mortificato memoria e dignità della sorella e aggiunge: "Grave imprecisione nella perizia riguardo al braccio dell'orologio"

Sabato 3 Settembre 2022
Liliana Resinovich

TRIESTE - Una «degenerazione» a cui «ben si attaglia il nome di circo mediatico», alla quale «stanno prendendo parte attiva anche soggetti che dovrebbero avvertire sia il dovere istituzionale di confrontarsi soltanto con l'autorità giudiziaria, sia la necessità di conformare la propria condotta a un intransigente riserbo, quale segno di rispetto verso la signora Liliana Resinovich». È il duro commento espresso a proposito dei "processi mediatici paralleli" in una nota dal Procuratore capo di Trieste Antonio De Nicolo aulla vicenda della Resinovich, scomparsa da casa il 14 dicembre scorso e il cui corpo è stato ritrovato il 5 gennaio.

«Spiace dover constatare - prosegue la nota del Procuratore capo - che accanto alle indagini doverosamente scrupolose che questo ufficio sta conducendo in relazione alla morte di Liliana Resinovich, da qualche tempo si sta svolgendo una serie di processi mediatici paralleli su vari social media, nutriti da qualche notizia vera e rilevante e da non poche notizie false o irrilevanti, manipolate da sedicenti esperti ed orientate verso risultati non convalidati dagli atti regolarmente acquisiti al fascicolo processuale». Per De Nicolo «è appena il caso di rammentare che esclusivamente su questi atti può essere fondata la valutazione dell'Autorità giudiziaria, cui sola, per legge, spetta tale compito».

Su Youtube tac e radiografie

Stralci di una perizia, radiografie, scansioni Tac, immagini tc postmortem, e supposizioni, lunghe disquisizioni sulle perizie stesse, valutazioni sulla morte di Liliana Resinovich, sulla posizione in cui il corpo è stato trovato. È quanto postato su Youtube in almeno due video che farebbero parte di una sorta di rubrica, dal titolo «Scoop e contro-scoop». È a queste pubblicazioni, in una delle quali la voce parlante ha la voce contraffatta (in un altro un uomo spiega la sua ipotesi sull'orologio trovato al polso di Liliana), che fa probabilmente riferimento la dura nota del Procuratore capo di Trieste, Antonio De Nicolo, diffusa stamani. Nei due video si spiega nel dettaglio anche la posizione in cui è stata trovata Liliana mostrando a camera fissa la radiografia delle mani della donna.

Il fratello: «Querelo, si mortifica la memoria di Liliana»

«Alla luce della illegittima diffusione delle immagini del cadavere di mia sorella, contenute nella bozza medico-legale, sui canali Youtube, mio malgrado ho provveduto a sporgere formale querela, al fine di bloccare questa deriva e individuare chi da più tempo fornisce atti d'indagine a soggetti non deputati ad averne, pratica che offende e mortifica la memoria e la dignità di Liliana e dei suoi familiari». Lo ha annunciato in una nota Sergio Resinovich, fratello di Liliana, dopo la diffusione di una nota del Procuratore capo di Trieste, Antonio De Nicolo, che parla di «circo mediatico» e di un ruolo illegittimo dei social media nelle indagini in corso. Sergio Resinovich ricorda che «già giorni fa, con il solito spirito collaborativo, tramite i miei legali e consulenti, essendoci accorti della anomalia e della probabile grave imprecisione in ordine al braccio sul quale i medici hanno indicato la presenza dell'orologio, abbiamo segnalato il dato alla Procura, affinché verificasse le ragioni del perché, in ben sette punti della loro relazione, fosse indicato l'orologio agganciato a sinistra, mentre altre immagini, da me successivamente consultate, sembrano consegnare un dato diverso, cioè l'orologio portato a destra». Un elemento questo «rilevantissimo» per la ricostruzione dei fatti e per «valutare la validità e l'affidabilità di quanto sostenuto nel loro elaborato dagli esperti della Procura». Per questa ragione l'uomo ha chiesto di «completare, se non ripetere, l'intero esame medico-legale». Conclude Resinovich: «Capisco e rispetto il diritto di cronaca, ma chiedo - questo il motivo della mia denuncia - di rispettare la memoria di Liliana e il dolore di tutti quelli che le hanno voluto bene».

Ultimo aggiornamento: 31 Ottobre, 14:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci