L'ultimo giorno "in giallo" del Friuli Venezia Giulia: a Trieste tavoli esterni dei bar presi d'assalto

Sabato 14 Novembre 2020
Cotticelli e Tiani: due esempi disarmanti di un Paese che ai meriti ha anteposto l'appartenenza e la fedeltà
2

Ultimo giorno in zona gialla oggi per il Friuli Venezia Giulia. Da domani la regione «scivolerà» in quella arancione, a maggior rischio. Previsti, tra le altre cose, la chiusura al pubblico di bar e ristoranti e il divieto di spostamento tra comuni.

Assalto ai bar

Questa mattina i dehors dei locali del centro di Trieste registravano il tutto esaurito. «Oggi, ultimo giorno, c'è l'assalto ai tavolini», osserva il gestore di un caffè storico di piazza Unità, Riccardo Faggiotto. Da domani si cambia, aggiunge, e da lunedì «parte dei dipendenti saranno di nuovo in cassa integrazione. Continueremo con l'asporto, ma senza profitti e al di sotto della copertura delle spese». «È un altro duro colpo dopo il lockdown - aggiunge il responsabile di un altro bar del centro - speriamo bastino due settimane di chiusura e che questo periodo passi in fretta».

"Un disastro totale". Viaggio tra i ristoratori e i baristi di Pordenone paralizzati dalla paura del lockdown

«Finché si chiudeva alle 18, si rientrava con le spese, ora non ci sarà nessun guadagno», affermano da dietro al bancone di un buffet- ristorante. «Da domani due dipendenti si occuperanno dell'asporto, gli altri saranno in cassa integrazione». Questa mattina sono diverse le persone che camminano lungo le vie del centro e che entrano, o aspettano il loro turno in fila, nei negozi. Oggi è entrata in vigore anche l'ordinanza regionale che, tra le altre cose, nei locali vieta le consumazioni al banco dopo le 15, introduce una corsia preferenziale per gli anziani nei negozi di alimentari nelle prime ore della giornata e invita preferibilmente a svolgere attività motoria lontano dal centro o nei luoghi affollati. 

 

Fvg "arancione", Fedriga contro il governo: "Scelta incomprensibile, chiediamo spiegazioni e correttivi"

TRIESTE - Il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga parla dell'ingresso del Fvg in zona arancione. "Ritengo la decisione incomprensibile. Trovo assurdo non avere in mano l'algoritmo. I parametri che sforiamo non sono determinanti nella lotta alla pandemia, ed anzi abbiamo migliorato molti altri valori. Questa comunità ha dimostrato di combattere sempre unita il virus.

Ultimo aggiornamento: 16 Novembre, 11:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA