La mamma dell'assassino: «Spero possano perdonarci mio figlio è malato»

Sabato 5 Ottobre 2019 di Marco Agrusti
50
TRIESTE - «Spero che le famiglie dei due poliziotti uccisi da mio figlio un giorno possano perdonarci. È un dolore enorme. È un ragazzo malato. Ieri mattina sono andata in ospedale per chiedere che fosse curato ma è stato troppo tardi. L’ho visto a terra dopo essere stato colpito dalla polizia. Voglio vederlo». Queste le parole di Betania, la madre Alejandro Stephan Meran, il domenicano di 29 anni che ieri ha ucciso  l'agente scelto Matteo Demenego e l'agente Pierluigi Rotta in questura a Trieste. La donna è stata raggiunta nella sua abitazione di Trieste.

LEGGI ANCHE --->L'assassino a Belluno fino a due anni fa

La sera prima della sparatoria in Questura l'indagato diceva alla madre che «non riusciva a dormire. Sentiva delle voci, che lo stavano perseguitando e lo volevano ammazzare. Cercavo di calmarlo dicendogli di stare tranquillo, di dormire e che sarebbe passato. E mi diceva: mamma non senti la voce? Non lo vedi? Mi vuole uccidere». Lo ha detto la madre dell'uomo accusato del duplice omicidio di due poliziotti sottolineando che il giovane «ha problemi psichici ed era in cura in Germania prima che arrivassimo in Italia» Ultimo aggiornamento: 16:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA