Covid in Friuli Venezia Giulia, il dato: in 7 giorni aumento del 26,7% dei contagi, è la percentuale più alta fra le regioni italiane

Giovedì 21 Ottobre 2021
Covid in Friuli Venezia Giulia, il dato: in 7 giorni aumento del 26,7%, è la percentuale più alta fra le regioni italiane
1

La situazione Covid in Friuli Venezia Giulia: nella settimana dal 13 al 19 ottobre, è stata registrata una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti, pari a 78, e si è evidenziato un aumento dei nuovi casi pari al 26,7% rispetto alla settimana precedente. Quest'ultima percentuale è la più alta tra le regioni italiane che hanno registrato una crescita dei nuovi casi negli ultimi sette giorni.

È quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe sull'andamento della pandemia. Restano sotto soglia di saturazione - osserva Gimbe - i posti letto in area medica e in terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19, entrambi pari al 4%. Secondo il report, in Fvg la percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 71,8% (media Italia 74,3%) a cui si aggiunge un ulteriore 4,5% (media Italia 3,8%) solo con prima dose. 

 

Friuli a rischio giallo, altre 12 regioni in verde

Salgono a quota 12, più la provincia autonoma di Trento, le regioni italiane in verde, il livello di rischio più basso, nella mappa europea della situazione Covid-19 aggiornata ogni settimana dall'Ecdc, Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, e pubblicata oggi. Le new entry Emilia Romagna, Lazio, Valle d'Aosta e Basilicata raggiungono in fascia verde Piemonte, Liguria, Lombardia, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Sardegna, e Trento appunto. Mentre il Friuli Venezia Giulia, che la scorsa settimana era in verde, ora diventa giallo, colore che indica un livello di rischio moderato (un gradino sopra il verde) e che già caratterizza la provincia autonoma di Bolzano, il Veneto, la Toscana, le Marche, la Campania, la Calabria e la Sicilia. Nel complesso comunque, l'Italia appare più verde che gialla (rispettivamente 12 regioni e una provincia, contro 7 regioni e una provincia) nella classificazione Ecdc, che si basa sulle notifiche dei casi positivi ogni 100mila abitanti, in abbinamento alla percentuale di test positivi sul totale dei test effettuati, senza prendere in considerazione il tasso di vaccinazione. A livello europeo il giallo si diffonde e ad esempio è presente in misura maggiore rispetto al verde in Francia. Il rosso avanza in Germania e Austria, ma è anche il colore dell'intera Finlandia, di parte della Norvegia, dell'Irlanda (e non solo). E si vedono anche aree in rosso scuro, fascia di rischio massimo, come ad esempio la Slovenia, l'intera Romania, alcune aree della Grecia, Estonia, Lettonia e Lituania.

Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 09:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA