Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

I carabinieri arrivano in casa e trovano un falso Monet: arrestato

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Redazione web
Auto dei carabinieri.

TRIESTE - Deve scontare una condanna definitiva di due anni e mezzo di carcere, per truffa, sostituzione di persona e ricettazione di opere d'arte. Quando i carabinieri sono andati a notificare il provvedimento e portare in carcere un 68enne di origine casertana che vive a San Lazzaro di Savena (Bologna), in casa hanno trovato un falso Monet che gli è costato una ulteriore denuncia per contraffazione e ricettazione. L'uomo è ritenuto un truffatore seriale e stava già scontando una misura di detenzione ai domiciliari per altre vicende.

I reati per i quali ha ricevuto la condanna a due anni e sei mesi riguardano due fatti avvenuti a Trieste e nel veronese, rispettivamente nel 2009 e nel 2018: nel primo, truffò un sacerdote di Trieste spacciandosi per un medico e spillandoglì 10mila euro con l'espediente di una eredità inesistente, nell'altro aveva venduto nel Veronese diversi quadri contraffatti, tra cui un altro Monet e un Picasso, all'epoca sequestrati. Anche il dipinto che aveva in casa, raffigurante covoni di fieno e con la firma falsa del pittore francese, è stato sequestrato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci