Bivaccavano nell'area giochi del parco pubblico: migranti nei guai

Bivaccavano nell'area giochi del parco pubblico: migranti nei guai

di E.B.

TRIESTE - Non solo Stazione dei treni e Rive nel mirino della Polizia locale che monitora le zone della città maggiormente segnalate per fenomeni di degrado, spesso anche correlati con violazioni della legge sull'immigrazione.  Domenica mattina, infatti, due Guardie Ambientali di controllo nel Giardino pubblico, avendo notato un nutrito gruppo di giovani seduto sulle panchine dell'area giochi, hanno fatto intervenire una pattuglia di Polizia Locale per gli accertamenti di competenza. Gli 11 uomini, tutti sprovvisti di documenti d'identità, in un inglese stentato comunicavano di essere cittadini afghani appena giunti in Italia dopo aver varcato il confine sloveno. Con non poca difficoltà il gruppo veniva accompagnato alla Caserma di via Revoltella per definire le generalità e l'ipotesi di violazione della legge sull'immigrazione.  Nella notte tra il 14 ed il 15 marzo, invece, due pattuglie notturne hanno intercettato all'interno del sottopassaggio pedonale di piazza Libertà, 3 uomini - di origine pakistana - che bivaccavano. Dalla verifica dei documenti è risultato che solo uno di essi aveva un regolare permesso di soggiorno mentre gli altri due non possedevano alcun certificato che potesse identificarli né che giustificasse la loro permanenza sul territorio italiano. Quindi, prima l'accompagnamento in Questura per foto-segnalazione ed identificazione e poi presso la Caserma San Sebastiano per la formalizzazione della denuncia penale.  Tutti e tre sono stati invece multati per aver bivaccato in luogo pubblico.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 20 Marzo 2019, 09:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bivaccavano nell'area giochi del parco pubblico: migranti nei guai
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-03-20 22:33:28
Da far rabbrividire il guaio in cui si sono cacciati. Vero Cacciari Casalini e company.
2019-03-20 18:46:00
I pakistani non hanno alcun diritto di venire in Italia dichiarandosi profughi. Sbatterli fuori.
2019-03-20 14:06:00
Ohooooo....in che "guai" si sono cacciati!!!!!...fotosegnalati e multati!!!!!....mamma mia che guaio!!!!!
2019-03-20 12:17:19
... al caval migrante non si guarda in bocca.. oggi c'è casarini che dispone e gli italiani assecondano. mancini boldrini invece vigila..
2019-03-20 11:07:07
Hanno pagato in contanti o con carta di credito"soros"?