Barcolana, bora forte, escluse 300 barche alla partenza: una affonda. La gara, Benussi vincitore

Domenica 10 Ottobre 2021
Barcolana, foto di repertorio
1

TRIESTE - La 53/a edizione della Barcolana è stata vinta dalla barca Arca Sgr del triestino Furio Benussi. In poco più di 45 minuti, alle 11:16:03, il maxi ha raggiunto la terza boa, di fronte al castello di Miramare. Secondo classificato Ewol alle 11.18.10, nonostante abbia rotto la randa, e terzo Maxi Jena alle 11.26.45. Quarto posto assegnato a Adriatic Europa Dussan Puh (11.28.17).

La gara è stata caratterizzata dalla bora, che da giorni soffia su Trieste e che, durante la regata, ha raggiungo raffiche a 40 nodi. Secondo la classifica provvisoria lo Swan 90 Woodpecker Cube-Generali, la barca condotta da Claudia Rossi, campionessa del mondo di vela d'altura in coppia misto, si aggiudica il quinto posto (11.29.03) e anche il primo premio Generali equipaggio misto con timoniere donna che per primo ha raggiunto il traguardo. La linea di arrivo è stata anticipata dagli organizzatori proprio a causa della bora, dunque la regata non si è conclusa come di consueto in piazza Unità ma alla boa 3. A causa del maltempo la regata è stata annullata dalla classe due in giù, che non hanno raggiunto la boa 3 ma sono rientrate direttamente in porto. La decisione è stata presa per evitare che questi natanti navigassero nelle aree del campo di regata dove più violente erano le raffiche di vento. 

I soccorsi

Gli interventi di soccorso e di assistenza per la Barcolana 53 sono stati numerosi a causa delle impegnative condizioni del mare e del vento, ma il numero alla fine molto limitato di concorrenti ha evitato i pericoli maggiori tipici della regata, che sono sempre legati all'affollamento della linea di partenza e alle conseguenti collisioni. Il protocollo di sicurezza comprendeva i mezzi di Guardia costiera, vigili del fuoco, guardia di finanza, polizia, carabinieri e unità di assistenza, coordinati dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Trieste. Sono stati dodici gli interventi di assistenza, con un totale di 41 persone, effettuati in mare per avarie al motore o al timone, rande rotte e alcune unità che hanno disalberato, ma in nessun caso danni alle persone. Quanto agli interventi di soccorso, l'incidente più grave è avvenuto nel centro del campo di regata, in prossimità della prima boa. Il conduttore di un'imbarcazione a vela slovena di dieci metri, con sei persone a bordo, pare in seguito di una collisione con un altro concorrente, non è più riuscito a governare la propria unità, che ha incominciato a imbarcare acqua e ad affondare. La loro imbarcazione è semiaffondata. Sul posto sono intervenuti Capitaneria e in seguito il nucleo subacquei dei vigili del fuoco per consentirne un eventuale successivo recupero. Un settimo naufrago, caduto da un'imbarcazione poco dopo la partenza, è stato recuperato dal Delfino Verde. Un altro velista è stato colpito violentemente alla testa dal boma della propria imbarcazione ed è stato soccorso anche dal 118.

Il presidente di Generali

«Una Barcolana emozionante. Ritornare a vivere tutti insieme questa festa del mare, dopo una stagione così impegnativa per tutti, è stato bello e ci ha fatto vivere momenti intensi: il vento di Bora ha reso la competizione veloce, mettendo in luce le capacità tecniche e tattiche del team, che con Claudia Rossi al timone ci ha portati al quinto posto». È il commento alla 53/a Barcolana, disputata oggi, del Presidente di Generali, Gabriele Galateri di Genola. Generali è main sponsor della regata da oltre 40 anni «Andare per mare richiede conoscenza, rispetto, passione: sono gli ingredienti alla base del successo. Un ringraziamento va a tutti quelli che hanno reso possibile questo evento, dall'organizzazione alle forze dell'ordine e alle istituzioni pubbliche e private, che come un unico equipaggio hanno tagliato ancora una volta questo traguardo», ha concluso Galateri.

Ultimo aggiornamento: 18:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA