Auto in vendita online, ma era una truffa: il trucco delle banconote e poi la fuga

Giovedì 23 Gennaio 2020
Auto in vendita online, ma era una truffa: il trucco delle banconote e poi la fuga (Foto di Capri23auto da Pixabay)

Auto in vendita online, ma era una truffa e l'uomo scappava via con i soldi. Arrestato un 48enne considerato specializzato in "truffe nella compravendita di automobili" che negli anni gli avrebbero fruttato "ingenti somme di denaro", su cui pendeva un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Udine. A rintracciarlo e trarlo in arresto i carabinieri del Norm della Compagnia di Aurisina (Trieste) che da settimane erano sulle sue tracce.

Truffato nella vendita della sua Opel, uno dei complici lo beffa: «Solo ora ti sei accorto?»

Secondo quanto riferito in una nota dai militari dell'Arma, l'uomo, originario di Tavagnacco (Udine), sarebbe stato solito spacciarsi per un acquirente di costose auto, messe in vendita a trattativa privata online. Dopo aver organizzato un incontro con il proprietario, l'uomo proporrebbe di "cambiare una quantità di denaro, di solito una somma tra i 5 e i 15.000 euro, di cui disporrebbe in tagli da 500, 100 o 50 euro, in modo da versarli alla propria banca e operare così un bonifico a favore del venditore per concludere l'acquisto". Al momento della consegna del contante, però, l'uomo sarebbe solito "allontanarsi con una scusa per controllare l'autenticità delle banconote e così sparire". Dopo essere risaliti a lui, i militari, hanno iniziato a osservare i luoghi solitamente frequentati dal 48enne e, grazie alla collaborazione dei colleghi della Stazione di Feletto Umberto (Udine), anche dalla sua famiglia, giungendo così all'arresto.

Allestisce finta concessionaria e la smonta in una notte: piazzata Golf GTI per 20.000 euro

L'ordine di carcerazione è il frutto dell'attività investigativa conclusa dalla Compagnia di Tarvisio (Udine), che, nel giugno 2019, lo aveva denunciato per una truffa avvenuta con lo stesso modus operandi commessa nei confronti di un cittadino austriaco. Il 48enne è stato quindi condotto al carcere di Udine, dove dovrà scontare una pena detentiva di due anni e 5 mesi.

Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio, 09:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA