Autovie venete, pedaggi aumentati dal primo gennaio: +1,88%

PER APPROFONDIRE: aumento, autostrada, autovie, pedaggi, trieste
aumenti dei pedaggi su Autovie Venete

di E.B.

Con il nuovo anno aumentano i pedaggi autostradali sulla rete di Autovie Venete: il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha concesso un incremento dell’1,88%  dopo il “congelamento” delle tariffe adottato nel 2015. «Un incremento molto contenuto in ogni caso, visto che, a seconda delle tratte varia fra i dieci e i trenta centesimi, ma che su alcune addirittura non scatta per il meccanismo di arrotondamento» si legge nella nota diramata dalla concessionaria.

La formula utilizzata per il calcolo dei pedaggi, è quella del “price cap” che comprende il recupero dell’inflazione programmata più una serie di variabili legate alla qualità del servizio, alla pavimentazione e al tasso di incidentalità, alle quali si aggiunge quella correlata al livello degli investimenti. Il decreto interministeriale numero 1044/28/133 del 12 novembre 2001 del Ministero dei Trasporti, contiene una norma che riguarda il meccanismo degli arrotondamenti. La norma prevede che fino a 5 centesimi, i prezzi devono essere arrotondati per difetto a zero; oltre i 5 centesimi vanno arrotondati per eccesso a dieci.

Non tutto ciò che Autovie Venete incassa resta alla concessionaria. Una parte, pari al 2,5% circa va ad Anas, l’Iva va allo Stato, un’ulteriore quota viene utilizzata a copertura degli investimenti e un’altra, non di poco conto, è destinata alle spese di manutenzione: dalla gestione degli impianti tecnologici agli interventi più vari (riasfaltature, sostituzione di barriere di protezione, azioni di prevenzione del ghiaccio o di ripulitura dalla neve; potatura delle siepi, sfalcio del verde, rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale). Un lavoro costante e impegnativo anche dal punto di vista economico, ma indispensabile per garantire la sicurezza della circolazione.

IN ITALIA
L'aumento medio dei pedaggi sulla rete autostradale italiana è del 2,74%, dal primo gennaio 2018. Balzo record per i 31 chilometri della concessionaria Rav, Aosta Ovest-Morgex, +52%: è legato a pronunce giudiziarie, dopo ricorsi delle società, come anche nel caso di Strada dei Parchi (+12,89%) e Autostrade Meridionali (+5,98%). Tra gli aumenti più significativi anche il +13,91% per Milano Serravalle-Milano Tangenziali ed il +8,34% della Torino-Milano. Lo comunica il ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture.

Nord
L’aumento medio delle tariffe autostradali per la rete del gruppo Sias, il principale gruppo autostradale del NordOvest (controllato dal gruppo Gavio), è invece pari al +3,02%. L’aumento medio riguarda le controllate del gruppo Sias: Autostrada dei Fiori (Savona-Ventimiglia), Ats (Torino-Savona), Salt (Sestri Levante-Livorno, Viareggio-Lucca e Fornola-La Spezia), Satap (A4 Torino-Milano ed A21 Torino-Piacenza), Sav (A5 Quincinetto-Aosta), Cisa (A15 La Spezia—Parma).

Sud 
L’adeguamento tariffario di competenza di Autostrade Meridionali è pari al 5,98%: «tale incremento include anche il riconoscimento degli incrementi tariffari non già riconosciuti nel periodo 2013-2017». Per la classe A la tariffa sarà di 2,10 euro, per la B 2,20, per la classe 3 3,90, per la 4 4,90, per la 5 di 5,60.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 29 Dicembre 2017, 18:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Autovie venete, pedaggi aumentati dal primo gennaio: +1,88%
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2017-12-30 13:59:27
Ma Udine- Trieste non era aumentata da poco?!
2017-12-30 09:59:50
Assurdo. Se uso l'autostrada ormai spendo più di pedaggio che di carburante.
2017-12-30 08:30:03
Congelamento delle tariffe quando?
2017-12-30 14:44:41
Già, non se ne era accorto nessuno, ma se lo dicono loro... A leggere l'articolo sembrano dei benefattori.
2017-12-29 23:35:57
Ma non si vergognano. L'autostrada gestita da Autovie Venete è un autentico calvario (e pericolosa) grazie ai pluriennali cantieri per l'ampiamento. E questi oltre a dare un servizio del genere hanno anche il coraggio di aumentare i costi per chi è costretto a transitare. Complimenti!