Zaia e la compravendita dei vaccini anti Covid: «Alla fine avrò ragione io. 20 intermediari continuano a dire che li hanno»

Sabato 27 Febbraio 2021
Zaia e la compravendita dei vaccini anti Covid: «Alla fine avrò ragione io. 20 intermediari continuano a dire che i vaccini ce li hanno»
17

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, torna a parlare della spinosa vicenda della compravendita dei vaccini anti Covid "in autonomia", sulla quale è in corso una indagine dei Nas. Il governatore ha sempre sostenuto con fermezza di aver agito alla luce del sole, tant'è che l'informazione ai Nas dei contatti fra il dottor Flor, che si è occupato e continua a occuparsi della partita, è arrivata dallo stesso medico attraverso una lettera a metà febbraio. E oggi il presidente sottolinea: «Alla fine sui vaccini avrò ragione io. Sono della teoria che "male non fare, paura non avere", per questo bisogna andare al vedo. Non è possibile che 20 intermediari continuino tutti a dire che i vaccini ce li hanno. Con questo ritmo finiremo di vaccinare tra 2 anni, mentre noi in 100 giorni saremmo in grado di vaccinare 5 milioni di veneti». Zaia, ha parlato a margine di un'iniziativa promossa dal Consorzio tutela vini Valpolicella. «Serve fare in fretta, perché chi si vaccina per primo acquisirà i mercati».

Nel Recovery Fund i 222 miliardi di euro in arrivo «dovranno servire anche per aiutare le imprese del vino che in questa fase hanno un magazzino importante. Dobbiamo mettere le imprese nelle condizioni di ripartire, come anche l'Horeca: non si capisce poi perché la ristorazione debba rimanere chiusa la sera, come se il virus, come Dracula, col buio uscisse dalla tana allo scoperto. Permettere la riapertura serale si tradurrebbe in fatturato per i nostri produttori, finora massacrati dalle misure di contrasto alla pandemia». Ha aggiunto Luca Zaia. Con 54 denominazioni venete e 11 milioni di ettolitri prodotti, ha sottolineato infine Zaia, «siamo la terra vino. Col Recovery sarebbe fondamentale dare aiuto alle imprese che hanno investito in qualità ma che, per il fermo di hotel, bar e anche hotellerie, ora hanno problemi di eccessive scorte in magazzino».

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 13:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA