Luca Zaia in diretta oggi, «779 nuovi contagi ma il Veneto resta bianco». Settimana di vaccinazioni straordinarie: «A disposizione 100mila dosi»

Mercoledì 4 Agosto 2021 di Beatrice Mani
Luca Zaia in diretta oggi

Luca Zaia in diretta oggi, mercoledì 4 agosto, per le ultime notizie sulal pandemia da Covid in Veneto. Sono stati in fase di risalita i contagi nei nostri territori - 779 sono i nuovi contagi nelle ultime 24 ore -, in particolare nel Veronese (187 solo oggi), nelle ultime settimane, tuttavia per ora nei reparti ospedalieri non si registrano picchi di ricoveri, stabili soprattutto le terapie intensive. Procedono le vaccinazioni, anzi, si dovrebbero impennare grazie a una iniziativa annunciata oggi dal governatore: una settimana intera di vaccinazioni libere in Veneto, dalla mezzanotte di giovedì 5 agosto, con ben 100mila dosi a disposizione dei cittadini.

Con l'avvicinarsi di settembre si fa sempre più pressante il nodo scuola: vaccini al personale e agli insegnanti, come gestire gli alunni, sono solo alcuni degli argomenti in campo. L'asssessore Manuela Lanzarin oggi ha spiegato che durante lincontro fra le Regioni si è discusso il protocollo in vista del rientro in classe, ma tutto è stato rimandato a dopo la pausa estiva, nell'attesa di maggiori certezze da parte del Governo su altri argomenti, come il Green Pass e la vaccinazione di chi lavora nelle scuole.

Zaia in diretta oggi

 

Covid Veneto, il bollettino di oggi

Tamponi molecolari fatti ad oggi 6milioni 048mila, test rapidi 5milioni 822mila. Incidenza 2.00%. I nuovi positivi nelle ultime 24 ore sono stati 779. Gli attualmente positivi sono 12.980. Il totale dei ricoverati in ospedale è 188 pazienti (+9), 19 in terapia intensiva, 169 in area non critica. Un decesso nelle ultime 24 ore.

IL BOLLETTINO INTEGRALE DI OGGI - SCARICA IL PDF

Situazione Covid in Veneto

«Non so se andremo verso un'ondata di piena del virus o se la situazione si andrà stabilizzando - ha affermato Zaia -. Ma voglio fare due considerazioni: l'assessore Lanzarin dopo di me darà un aggiornamento sul fronte scuola e sul fronte sospensioni dei sanitari che non si vogliono vaccinare. Noi stiamo andando avanti con le vaccinazioni, i numeri ci dicono che da qui all'8 di settembre abbiamo un totale 619mila 211 dosi da fare. Da qui a settembre abbiamo i famosi 200mila posti liberi e le prenotazioni si sono impennate, ne abbiamo 7mila al giorno. Non aspettate l'autunno per vaccinarvi, dico ai cittadini, servono le due dosi per la copertura vaccinale definitiva. Se tutti fanno questo ragionamento si crea un ingorgo e ci troviamo in difficoltà in autunno».

Settimana straordinaria dei vaccini

Per incentivare le persone a vaccinarsi Zaia ha pensato a una settimana "fast-vax": «E oggi facciamo questo annuncio, importante: dalle 24 di domani sera, giovedì 5 agosto, sarà possibile prenotare il vaccino, una sorta di "fast-vax", perché apriremo le agende in modo straordinario per una settimana, per 100mila dosi di Pfizer e Moderna. Faremo anche iniziative locali sporadiche: squadre di calcio, vaccinazioni durante eventi locali, ci saranno sempre più attività variegate di presenza. I 200mila posti liberi restano liberi, queste sono dosi in più che abbiamo a disposizione, si tratta di una extra-fornitura. A settembre avremo più offerta di vaccino della domanda di vaccino, perché abbiamo vaccinato alla grande». 

Terza dose

Arriverà una terza dose per i cittadini? L'argomento è ancora in piena discussione. «Noi siamo già al nono mese di vaccinazioni, per cui ci poniamo la questione della terza dose - ha sottolineato Zaia -. Immagino che si darà modo di fare una terza dose ai sanitari, dando priorità a case di riposo, operatori delle Rsa e chi è negli ospedali».

I colori delle Regioni

«Il Veneto resterà bianco - ha annunciato Zaia - ovviamente alla luce dei nuovi parametri. Non è stato un atto delinquenziale chiederne la modifica, oggi con i vecchi parametri saremmo in zona gialla ma con gli ospedali sostanzialmente vuoti. La nostra ondata di variante Delta è diversa anche da quella Inglese che ha avuto maggiore ospedalizzazione, ma non è finita, occorre sempre fare attenzione».

Malato di Covid per gli esami, negativo per i tamponi: resta senza Green Pass

Green Pass

«Ci sono molte mancanze, situazioni ancora non chiare - ha sottolineato il governatore -. Sul pratico noi dal 6 abbiamo i ristoratori o gli albergatori che dovranno chiederlo al chiuso, hanno la potestà giuridica per domandarlo, o per domandare eventualmente una carta di identità al cittadino? Ci sono poi cittadini vaccinati che non riescono a ottenere il Green Pass, cosa devono fare? Credo che il Governo dovrebbe fare chiarezza rispetto ad argomenti come questo. Penso anche ai vaccinati all'estero che non riescono a ottenere il Green Pass per un bug informatico, ma il 6 è dietro l'angolo. Vanno risolti i problemi, se serve anche con una circolare, con un decreto».

Olimpiadi, i campioni azzurri e il veneto Lamon

«Abbiamo esultato tutti stamattina - ha commentato Zaia - è stata una bella vittoria. C'era uno dei nostri, grazie per la bella figura che fa il Veneto. E grazie per il medagliere. Veneta anche la portabandiera delle Olimpiadi, insomma, sta andando bene». 

Attacco hacker alle amministrazioni pubbliche

Dopo il caso Lazio, tremano tutte le Regioni: «Noi siamo sempre preoccupati, noi abbiamo sistemi informatici protetti, speriamo che funzionino e se succede qualcosa vedremo di intervenire, ma non pagheremo riscatti», ha sentenziato ancora il presidente del Veneto.

Scuola

L'assessore Manuela Lanzarin interviene spiegando cosa si sia detto durante al Conferenza delle Regioni: «Era l'ultima prima della pausa estiva. Analizzato il protocollo per la scuola a settembre, che non entra sull'obbligo di vaccinazione o Green Pass, ma su distanziamento e obbligo di mascherina e organizzazione pratica, gite, attività fisica, entrate differenziate... eravamo pronti per approvarlo ma è stato chiesto di sospenderlo in attesa che si pronunci in questi giorni il Governo su altre tematiche, affiché ci sia un provvedimento unico».

Tamponi in farmacia: prezzi

«Poi si è discusso  - ha proseguito Lanzarin - di un protocollo con le farmacie per i tamponi: il protocollo prevede un prezzo di 15 euro con un contributo del Commissario per coprire in parte il costo, con una differenziazione fra ragazzi e bambini under 18 e adulti over 18. Il costo finale potrà andare dai 10 ai 13 euro».

Sanitari no vax: cosa succede?

«Rispetto al dato di due settimane fa, oggi ne abbiamo 1.242 che hanno preso appuntamento per fare il vaccino. La preoccupazione è che qualche servizio, con le sospensioni, possa avere ripercussioni. L'Ulss Berica, Euganea e Polesana hanno sospeso qualcuno ma dobbiamo fare una ricognizione per avere numeri esatti».

 

Ultimo aggiornamento: 5 Agosto, 13:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA