Luca Zaia in diretta oggi, ultima chiamata al vaccino per il 60-69enni: «Prenotate, poi apriremo ad altre fasce». Il caso "querela" a Crisanti: «Dovete chiedere a Toniolo»

Mercoledì 5 Maggio 2021 di Beatrice Mani
Luca Zaia in diretta oggi
11

Luca Zaia in diretta oggi, mercoledì 5 aprile 2021, per le ultime notizie sulla pandemia da Covid in Veneto. Il presidente torna in conferenza dalla sede della Protezione civile di Marghera dopo lo stop di ieri, quando ha riferito in commissione in Regione in merito alle gestione dell'emergenza Coronavirus e al caso test rapidi sollevato dallo studio di Andrea Crisanti («ho anche chiesto che mandino il mio verbale in Procura», ha sottolineato il governatore).

Sempre sotto osservazione l'andamento dei contagi nella nostra regione e il ritmo della campagna vaccinale, in conferenza il governatore ha fatto un ultimo appello ai cittadini della fascia 60-69, affinché si prenotino, dopodiché le vaccinazioni verranno aperte ad altre classi di età e non sarà più possibile garantire la priorità ai primi. Intanto si avvicina la stagione turistica estiva, con una novità di giornata: via la quarantena per gli stranieri e green pass dalla seconda metà di giugno. Così il governo Draghi punta a normalizzare l'estate del turismo italiano (Leggi l'articolo). «Non è regia regionale - ha spiegato Zaia - se lo si fosse fatto 5 mesi fa quando l'ho proposto io sarebbe bastato. Noi siamo a disposizione, abbiamo un'anagrafe vaccinale efficiente, per cui siamo pronti».

IL CASO I tecnici smontano Crisanti. Ricci: «Quei dati scorretti e inesattezze grossolane»

Zaia in diretta oggi

 

Il bollettino

Tamponi molecolari fatti ad oggi 5milioni 068mila, test rapidi 4milioni 412mila. Sono 745 i nuovi contagi Covid  nelle ultime 24 ore. Incidenza al 2,02%. Gli attualmente positivi in Veneto sono 20.176. Ricoveri totali 1.336 (-28) , 173 terapie intensive (-5), 1.163  area non critica (-23). Sono 12  le vittime nelle ultime 24 ore. IL BOLLETTINO INTEGRALE DI OGGI - LEGGI

 

Covid in Veneto

Zaia ha mostrato la curva dell'infezione rispetto alle terapie intensive, si vede il calo della curva. «L'algoritmo ci dà ancora una discesa ma con una pendenza che scende piano piano, a patto che non vi sia una reinfezione - così ha commentato i dati Luca Zaia -. Quindi l'appello è di evitare ogni forma di assembramento e usare i dispositivi. Arriva sempre di più la buona stagione e se ricordate, l'anno scorso, il 4 maggio finivamo il lockdown. In questa occasione abbiamo aperto il 26 aprile ma non avevamo una chiusura totale alle spalle, le attività lavorative sono rimaste in buona parte aperte e parzialmente aperte, salvo alcune in particolare».

Vaccini

Il presidente del Veneto fa il punto sullo stato della campagna vaccinale nelle nostre Ulss e lancia un monito ai 60-69enni: che prenotino al più presto, perché fra pochi giorni, forse due, si apriranno le prenotazioni per altre fasce di età, a quel punto per la fascia 60-69 non sarebbe più garantita la priorità in base all'età. «Siamo arrivati a 1milione 835mila dosi somministrate, prima dell'estate potremmo fare un grande giro di boa. E' in corso la vaccinazione epr gli over 60, l'ultima fascia di età 60-69 anni è l'ultima entrata in vaccinazione, di queste 603.210 persone, 182127 hanno avuto la prima dose avuta, ad oggi i prenotati sono 176.191, infine ci restano 52.018 prenotazioni "libere". Oggi pongo un tema: abbiamo questi 52.018 spazi in agenda che ad oggi non sono occupati, da qui al 19 maggio. Faccio quindi appello a tutti gli over 60 perché prenotino, ma soprattutto alla fascia 60-69 anni. Non escludo che questa sia l'ultima chiamata per questa fascia, dopodiché apriremo ad un'altra fascia vaccinale. Se poi apriamo a un'altra fascia finirà che questi andranno in una massa di persone e sarà più difficile garantirgli la priorità. Disabili e caregiver possono prenotarsi, lo ricordo, e sottolineo che anche su queste categorie c'è un po' di stallo. Sono 190mila le dosi di vaccino a magazzino oggi in Veneto. Domani 29mila dosi di Moderna e accantoniamo AstraZeneca per i richiami». Fragili e vulnerabili non ancora contemplati nell'elenco dei vaccinandi: «Non abbiamo ancora indicazioni nazionali. Certo è che oggi c'è disponibilità di posti...», ha affermato Zaia. Per vaccinarsi in farmacia dove si prenota? «Sia dal portale che direttamente in farmacia», ha risposto Zaia.

AstraZeneca, Viola: «Agli under 60? Sì, ma solo agli uomini»

 

Prenotazione dei vaccini: cosa cambia

Il Garante ha imposto un cambiamento nel metodo di prenotazione delle vaccinazioni sul portale, aggiungendo un dato da inserire: «Oltre al Codice fiscale - ha spiegato Zaia - servirà introdrre nella schermata delle ultime 6 cifre della tessera sanitaria, per evitare che qualcuno prenoti al posto di qualcun altro».

 

Vaccini in azienda

In attesa che partano le vaccinazioni nelle aziende, si affacciano all'orizzonte alcune diponibilità: «Ci stiamo muovendo anche con le aziende, alcune si sono proposte di vaccinare per fascia di età anche cittadini che non sono loro dipendenti. Poi vi diremo quali sono».

 

La querela a Crisanti

Zaia in merito alla presunta querela di Azienda Zero ad Andrea Crisanti, per il quale il professore è indagato a Padova per diffamazione, dice di chiedere al professor Roberto Toniolo, direttore Generale e legale rappresentante di Azienda Zero. Ma la querela c'è stata o non c'è stata, si è trattato di un esposto? Il dubbio rimane. Già ieri, in Quinta commissione consiliare del Veneto, l'atto era stato escluso e a farlo era stato Andrea Toniolo direttore della struttura regionale che coordina le Ulss. Sul fatto che non ci sia una querela per Zaia torna a ripetere: «lo ha detto chiaramente il dottor Toniolo ieri sera e quindi non ho altro da aggiungere».

Il caso di Treviso

E' di oggi la notizia di un'infermiera che non avrebbe inoculato il vaccino a un paziente: «Va fatta chiarezza - ha commentato Zaia - e finché non è stata fatta chiarezza è giusto rispettare le parti. Lasciamo lavorare la magistratura e vedremo, mi sembra un caso talmente strano che aspettiamo la verifica». Trasferimento dei medici e infermieri no vax: «È previsto dal Decreto e le Ulss hanno avviato come previsto per legge la chiamata formale per tutti quelli non ancora vaccinati», ha spiegato il governatore.

 

 

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio, 09:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA