Violenta la figlioletta, "prestata" anche agli amici del bar: niente carcere

PER APPROFONDIRE: amici, bar, conegliano, figlia, minori, padre, prestata, violenza
Violenta la figlioletta e la "presta"  agli amici del bar: non andrà in cella
CONEGLIANO - Padre violenta la figlioletta per otto anni, "prestandola" anche agli amici del bar: condannato a 10 anni, ma non sconterà neanche un giorno di carcere. La sentenza è stata emessa dal tribunale di Treviso e confermata anche dalla Corte d'Appello di Venezia, ma la prescrizione ha salvato il padre-orco e la Corte ha dovuto decretare il non luogo a procedere. 

«ANDIAMO ALLE GIOSTRE»
Tutto ha avuto inizio quando la piccola aveva 8 anni, era il 1995, il padre si era da poco separato. Nei weekend in cui avrebbe dovuto stare con la figlia la prelevava da casa, dicendo che l'avrebbe portata alle giostre, e invece la chiudeva in casa e la violentava, minacciandola affinché non parlasse. La vittima - come scrive il Corriere del Veneto -  è riuscita a raccontare quello che accadeva tra quelle mura solo in età adulta e alla fine ha trovato il coraggio di denunciare il padre, all'epoca 46enne.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Ottobre 2017, 12:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Violenta la figlioletta, "prestata" anche agli amici del bar: niente carcere
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 47 commenti presenti
2017-10-24 00:29:22
Nome e Cognome in prima pagina, del padre orco e di chi non ha levato la prescrizione da simili infami reati. Siamo davvero una repubblica delle banane !
2017-10-22 20:24:31
per me,la legge sulla prescirzione andava eliminata subito dal governo renzi. se non è stata fatta, un motivo ci sarà! a voi le cosiderazioni successive.-
2017-10-22 18:00:41
Subito una denuncia verso quesi magistrati che hanno permesso che il processo andasse in prescrizione, una pagliacciata italiana.
2017-10-22 08:39:05
Non potete pubblicare il nome del mostro?Almeno la gogna mediatica
2017-10-22 20:04:11
Bravo, così alla gogna va anche la figlia, che invece ha diritto all'anonimato. Complimenti per la richiesta.