Bottega, bottiglie d'oro "Italian style" nella notte degli Oscar

Lunedì 26 Aprile 2021 di Claudio De Min
Francis Ford Coppola (a destra) con Sandro Bottega

Decisamente poca Italia, a Hollywood, nella notte degli Oscar 2021: la voce di Laura Pausini, in gara per la miglior colonna sonora originale con la canzone Io sì da La vita davanti a sé di Edoardo Ponti , e il film Pinocchio, in nomination nella sezione trucco e costumi. Fra i rari segnali tricolori brillava però, nella notte californiana, la luce tutta d'oro delle ormai mitiche bottiglie firmate dall'azienda veneta Bottega di Bibano di Godega (Tv): se il nostro cinema non ha sfondato almeno c'è stata una discreta dose di Italian Style.
Come si sia arrivati a questo va, ovviamente, spiegato.
Francis Ford Coppola Winery è una straordinaria azienda vinicola della California settentrionale, nella contea di Sonoma, in un luogo di eccezionale bellezza, ad un passo dalla Napa Valley. Il proprietario, sì, avete letto bene, è proprio lui, uno dei più grandi registi americani di sempre, 5 volte premio Oscar, origini italiane (Basilicata per la precisione) alla guida di un'impresa ereditata dal padre, e pensata per essere «un paese delle meraviglie del vino, un parco di piacere dove le persone di tutte le età possono godersi tutte le cose migliori della vita: cibo, vino, musica, balli, giochi, nuoto e spettacoli di tutti i tipi. Un luogo per celebrare l'amore per la vita»
L'azienda - nella struttura è presente anche una spettacolare sala di memorabilia nella quale sono esposti i premi Oscar, la scrivania di Don Corleone (Il padrino), l'automobile originale Tucker (Un Uomo e il suo sogno) ha creato due vini in edizione limitata per la 93. edizione degli Awards di cui è partner per il 5. anno consecutivo. E lo stesso Coppola ha voluto che il suo vino fosse contenuto nelle specialissime bottiglie color dell'oro della cantina Bottega, la quale ormai da anni ha messo a punto un esclusivo processo di metallizzazione, grazie al quale il colore specchiato diventa parte integrante del vetro. Un connubio decisamente glamour. E sulle bottiglie la firma dell'azienda Bottega è accanto a quella di Coppola.

QUANTITÀ TOP SECRET
«Con Coppola ci conosciamo da anni, almeno una decina, forse più, dice Sandro Bottega -, grazie anche a Stefania Sandrelli e Giovanni Soldati, e sono stato più volte a trovarlo in California e a visitare la sua strepitosa azienda, una cantina composta da abitazioni dell'Ottocento, piscina, ristorante, bar all'aperto. Siamo stati ovviamente molto onorati che ci abbia chiesto di utilizzare la nostra bottiglia per imbottigliare i due vini scelti per la Notte degli Oscar: «Del resto l'Italia è sempre nei pensieri di Francis, un Paese che lui ama molto, al di là delle sue origini, per la nostra immensa cultura (anche enogastronomica). Anche se poi cede spesso alla tentazione di bere il vino con un po' di acqua, una specie di spritz. Non siamo autorizzati a svelare il numero di bottiglie realizzate (si vocifera, comunque, che si tratti di qualche migliaio ndr), posso però dire che le abbiamo spedite in California ad inizio autunno 2020 e abbiamo dovuto dare al team di Coppola la nostra assistenza tecnica anche per la fase di imbottigliamento che è piuttosto delicata per evitare di danneggiare la parte esterna. E, dopo 4 mesi, ieri sera i vini sono finalmente stati stappati».

EDIZIONE LIMITATA
I vini in questione sono uno Chardonnay e un Cabernet Sauvignon, entrambi annata 2019, da uve coltivate nella contea di Sonoma, nel primo anno dal 2011 in cui la California non ha patito la siccità, regalando al vino una piacevole complessità, grazie all'elevata qualità dell'uva di quell'anno. Lo Chardonnay è equilibrato e deciso, con note di pesca bianca, albicocca e prugna. Il Cabernet Sauvignon di Alexander Valley è complesso e speziato con una buona acidità. Entrambi sviluppano una gradazione alcolica piuttosto sostenuta, attorno ai 14,5 gradi. L'edizione, limitatissima, sarà in vendita solo negli Stati Uniti al costo di 79 dollari. Abbiamo voluto realizzare qualcosa che fosse unico. Abbiamo immaginato e realizzato molti progetti, ma questo è uno di quelli che ci rende più orgogliosi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA