Proposta choc del sindaco,
i Savoia “sfrattati” dalla piazza

PER APPROFONDIRE: piazza, savoia, sindaco
A Villobra la piazza del municipio è intitolata al sovrano di casa Savoia

di Mauro Favaro

VILLORBA - Umberto I potrebbe presto sparire dall'intitolazione della piazza del municipio. Perché? Perché si tratta di un Savoia. La dinastia oggetto della nuova crociata del sindaco Marco Serena. «Serve un ripensamento generale sull'impatto avuto dai Savoia nella storia d'Italia - mette in chiaro - il loro ruolo è stato a dir poco controverso. È arrivato il momento di rivedere le cose, anche a livello toponomastico».



Il primo cittadino non annuncia imminenti variazioni nello stradario di Villorba. Ma anche qui, come in molti altri paesi, non mancano le intitolazioni a esponenti dei Savoia: da Umberto I, appunto, fino a Vittorio Emanuele. Il primo, re d'Italia dal 1878 al 1900, passato alla storia come il sovrano che ha avvallato la repressione nel sangue dei moti popolari, dà il nome alla piazza dove si affaccia il Comune e villa Giovannina.





Il sindaco ha tirato il classico sasso nello stagno. Che, per la verità, ha già acque piuttosto agitate dopo la richiesta di un paio di residenti, seguita da quella dell'associazione dei Fanti, di cancellare il nome di Cadorna, generale di Caporetto, dalla piazza di Fontane. «Il 18 maggio presenteremo la sistemazione del centro - annuncia il sindaco - in quell'occasione sentiremo cosa pensano i cittadini della proposta di cambiare nome alla piazza».

La modifica riguarda un centinaio di residenti che dovrebbero aggiornare tutti i loro documenti. La giunta si rimetterà a quanto uscirà da questa sorta di mini-referendum.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 14 Maggio 2015, 12:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Proposta choc del sindaco,
i Savoia “sfrattati” dalla piazza
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2015-05-15 13:56:42
concordo in pieno sul fatto che il regime mussoliniano si sia comportato in modo criminale nei confronti degli slavi che abitavano le cosiddette "terre redente", ma rispondere ad un crimine con un altro crimine non mi sembra il modo migliore per fare giustizia; in ogni caso, in foiba sono finite anche persone che non erano fascisti ma semplicemente di lingua italiana
2015-05-15 12:08:21
le foibe sono state soprattutto una rappresaglia per i crimini fascisti compiuti contro quella gente,non si può pretendere di fare stragi e poi chi ha avuto ha avuto chi ha dato ha dato scurdammoce o passato
2015-05-15 11:38:17
Tito responsabile delle foibe. Gli altri due hanno fatto danni al mondo intero...
2015-05-15 11:01:39
....eh si. sono queste le decisioni importanti che deve affrontare un sindaco per migliorare il territorio... ma braaaavvvvvo!
2015-05-15 10:23:52
La Del Ponte ha fatta giusta osservazione: Cadorna non merita che ludibrio per il suo modo di agire da uomo inetto.