Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dopo la bravata del manager, 500 euro di multa per chi usa le fontane e i lavatoi

Martedì 14 Giugno 2022 di Claudia Borsoi
La fontana di Valdobbiadene

VALDOBBIADENE - Multa fino a 500 euro a chi usa fontane e lavatoi per farci il bagno o per i tuffi. Firmata a Valdobbiadene l'ordinanza a salvaguardia della sicurezza e del decoro pubblico. Dalle parole, il sindaco Luciano Fregonese è passato ai fatti. Dopo che un manager austriaco in gita a Valdobbiadene aveva scambiato la nuova fontana di piazza Marconi per una piscina, e ci si era tuffato nell'assolato pomeriggio di domenica 5 giugno. Il sindaco ha firmato l'ordinanza urgente per la salvaguardia e il miglioramento della qualità degli ambienti di vita comune e delle condizioni di vivibilità della città.

IL SINDACO
«Ho firmato venerdì l'ordinanza che prevede sanzioni da 25 a 500 euro come previsto dalla legge 267/2000 - spiega il sindaco Fregonese - La sanzione viene applicata sia a chi entra o si tuffa nelle fontane comunali, sia a chi danneggia o rischia di danneggiare il patrimonio comunale. Nei prossimi mesi procederemo con la redazione di un regolamento comunale per la tutela del patrimonio pubblico, che quindi farà decadere questa ordinanza». Il tuffo nella nuova fontana di piazza Marconi fatto dal manager austriaco e ripreso con un cellulare nei giorni scorsi ha fatto il giro del web. Ha indignato il sindaco, così come la gran parte dei valdobbiadenesi che hanno pubblicamente condannato il gesto. E Fregonese, all'indomani, aveva annunciato l'ordinanza che si è materializzata in pochi giorni. Il sindaco ordina, a salvaguardia della sicurezza e del decoro, il divieto di immergersi in tutto o in parte nelle fontane e lavatoi pubblici, ovvero di immergervi cose o animali, ma anche il divieto di deturpare, imbrattare, danneggiare o assumere comportamenti che possono danneggiare in qualsiasi modo il patrimonio pubblico, salvo che il fatto non costituisca reato perseguibile d'ufficio o salvo che le persone offese non sporgano querela, nei quali casi prevale l'azione penale su quella amministrativa. L'obiettivo è tutelare i luoghi e il patrimonio pubblico, ma anche migliorare il decoro urbano di una comunità che negli ultimi anni sempre più sta puntando sul turismo e sulla valorizzazione del suo patrimonio, in particolare il paesaggio con le colline del prosecco entrate a pieno titolo tra i siti Unesco.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci