Giovedì 22 Novembre 2018, 15:27

Vaccini gratis agli amici a quattro zampe per chi ha difficoltà economiche

PER APPROFONDIRE: animali, gratis, vaccini, veneto
Vaccini gratis agli amici a quattro zampe per chi ha difficoltà economiche

di Elisa Giraud

CONEGLIANO - Gli animali da compagnia hanno un effetto benefico sull'umore e sulla salute delle persone. Specialmente di quelle sole, degli anziani, dei malati, dei bambini. Lo ha riconosciuto l'azienda sanitaria e pure la Regione che il presidente Luca Zaia definisce pet friendly. E il progetto Prima visita e vaccinazione degli animali d'affezione di persone e anziani indigenti ne è un'ulteriore conferma: garantisce le cure veterinarie necessarie agli animali da compagnia delle persone, anziani in primis, in situazioni di difficoltà economica. Il protocollo d'intesa tra Usl2, Comune di Conegliano e Rotary club Treviso Piave che ne sosterrà interamente i costi, è stato siglato ieri mattina. «Lo consideriamo un modello da replicare e portare a livello regionale ha detto il governatore Zaia - Già nel 2019, dopo la fase sperimentale, lo vogliamo trasformare in una legge regionale». L'attenzione agli animali da
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Vaccini gratis agli amici a quattro zampe per chi ha difficoltà economiche
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2018-11-22 21:10:36
vanno a stare bene cani e gatti solo se i padroni sono barboni o simili, tutti gli atri civili del mondo non li vaccineranno maiii, ma è chiaro.
2018-11-22 18:46:37
Però i vaccini per me umana me li strapago ampiamente con tutti i contributi per la sanità che ogni mese si trattengono dal mio stipendio!
2018-11-22 20:50:42
Togliamo la sanità alle Regioni, lo andiamo ripetendo da sempre
2018-11-22 15:48:04
Bene! Intanto la sanità per gli umani va a ramengo. Sporchi, infami, neti, solo proclami-pro-consenso. vergogneve!
2018-11-22 18:11:04
sa cosa vuol dire progresso e civilta? E' il succo dell'articolo, ma bisogna leggerlo bene